scritto da | on , , | Nessun commento

Questa tecnica abbastanza elementare ha come obiettivo la classificazione degli articoli attraverso le loro movimentazioni individuando appunto lo schema del flusso dell’articolo. Tale tecnica si basa sulle causali utilizzate nelle movimentazioni di magazzino, per esemplificare consideriamo il caso più completo, un’azienda di produzione e commercializzazione che gestisce anche il conto terzi, in questo caso possiamo individuare i flussi in entrata ed in uscita in questo modo:

ENTRATE AC Acquisto
EC Entrata da Conto Lavoro
EP Entrata da produzione
AE Altra Entrata
USCITE VE Vendita
UC Uscita per Conto Lavoro
UP Uscita per produzione
AU Altra uscita

In altra entrata ed altra uscita sono considerate le altre movimentazione di minore importanza come resi, storni, omaggi, scarti ecc.

Analizzando per ogni articolo lo storico delle movimentazioni possiamo individuare per ognuno un schema simile

AC EC EP AE VE UC UP AU
1 0 0 0 1 0 0 0

Dove 1 sta ad indicare che più del 25% delle movimentazioni per quell’articolo vengono fatti con quella causale, possono presentarsi i seguenti casi:

  1. lo schema presenta solo 1 un per ogni lato (lato sinistro entrate, lato destro uscite) – schema monco
  2. lo schema presenta un 1 per ogni lato – schema puro
  3. lo schema presenta più di un 1 per un lato – schema monco per lato e ibrido per l’altro
  4. lo schema presenta più di un 1 per ogni lato – schema ibrido

una prima analisi consiste nell’individuare le tipologie di schemi presenti negli articoli, successivamente è possibile raggruppare gli articoli in base agli schemi ed assegnare una tipologia di movimentazione ad ogni articolo, l’analisi è più semplice per gli articoli che presentano uno schema puro, ad esempio nel caso schematizzato sopra abbiamo degli articoli che vengono acquistati e poi rivenduti, ma possiamo avere altri casi come articoli prodotti internamente e poi venduti (00101000), oppure articoli realizzati in conto terzi e poi sottoposti ad un’altra lavorazione interna (01000010). Diversamente nei casi ibridi ci sono due possibilità :
Un articolo prima entrava in magazzino in un modo e successivamente in un altro (prima veniva prodotto internamente e poi viene acquistato)
Un articolo può entrare in magazzino in due modi diversi contemporaneamente (sia in acquisto che produzione interna)
Questa metodologia di analisi permette di individuare in maniera schematica i processi logistici principali che avvengono in azienda e si pone come base per successive analisi.

Lascia un Commento

News