scritto da | on , | Nessun commento

Questa analisi serve ad individuare i codici obsoleti ovvero quei codici che non partecipano più al processo di creazione del valore aziendale. Definiamo obsoleti quei codici che non sono movimentati da n periodi, con giacenza diversa da zero ed impegno nullo. Il periodo dopo il quale un codice diventa obsoleto dipende molto dal settore in cui opera l’azienda, per il nostro esempio consideriamo 3 anni ovvero articoli non movimentati dal 31/12/2006. Per prima cosa determiniamo la data dell’ultimo movimento (non consideriamo per questa analisi le rettifiche inventariali perchè non generano valore) :

SELECT MOVIMENTI.CODICE, MAX(MOVIMENTI.DATA) AS UM
FROM MOVIMENTI
WHERE (((MOVIMENTI.CAUSALE)<>"R+" AND (MOVIMENTI.CAUSALE)<>"R-"))
GROUP BY MOVIMENTI.CODICE;

A questo punto filtriamo i codici obsoleti

SELECT [Ultimo movimento].CODICE, [Ultimo movimento].UM, Giacenze.GIACENZA, Giacenze.IMPEGNO
FROM [Ultimo movimento] INNER JOIN Giacenze ON [Ultimo movimento].CODICE = Giacenze.CODICE
WHERE ((([Ultimo movimento].UM)<=#12/31/2006#) AND ((Giacenze.GIACENZA)>"0") AND ((Giacenze.IMPEGNO)=0));

Partendo dalla data dell’ultimo movimento per ogni articolo è possibile effettuare una analisi della stratificazione del magazzino valorizzando le giacenze e raggruppandole per anno di ultimo movimento ottenendo un grafico simile.analisi obsoleti

La fase successiva consiste nell’individuare perché si sono formati questi obsoleti, facendo ricorso alla analisi dello schema di flusso possiamo individuare a quale processo aziendale appartengono i codici, successivamente si individueranno le possibile azioni per ridurre la qt ( svendite, rivendita ai fornitori, modifiche ecc)

Lascia un Commento

News