Codice a barre

set
2009
01

scritto da | on | Nessun commento

Il codice a barre consente la riduzione della distanza tra il flusso informativo ed il flusso delle merci in quanto consente di incorporare nelle merci delle informazioni che possono essere lette ed acquisite da un sistema informativo. Il codice a barre è una sequenza di barre ad elevato contrasto che possono essere lette da un sensore. Il codice a barre è costituito da elementi chiari o spazi e da elementi scuri, esso è formato da una zona chiara, un carattere di start, i caratteri contenenti l’informazione, un carattere di stop ed infine un’altra zona chiara. I codici a barre possono essere classificati in :

  1. Codici a due spessori
  2. Codici a più di due spessori
  3. Codici a due dimensioni

Per l’impiego del codice a barre sono necessari uno strumento di stampa ed uno di lettura. La stampa può essere effettuata direttamente sul prodotto o sul suo imballaggio, oppure è possibile stampare una etichetta ed applicarla successivamente. Il lettore può essere a penna, a CCD flash o laser, compito del lettore è tradurre l’immagine del codice in segnale elettrico da trasmettere al sistema informativo.  Materiale ed informazioni sul codice a barre è possibile reperirlo sul sito http://indicod-ecr.it/ a cura dell’istituto per le imprese dei beni di consumo.

ALLEGATI

Codice a barre
Titolo: Codice a barre (0 click)
Etichetta:
Filename: codice-a-barre.pdf
Dimensione: 285 kB

Lascia un Commento

News