scritto da | on , | Nessun commento

Gli ordini di lavorazione ai terzisti si differenziano dagli ordini di produzione in quanto il centro di lavoro è esterno all’azienda e quindi dal punto di vista logistico i materiali sono inviati al di fuori dell’azienda e viene restituito il prodotto finito o un semilavorato che potrà essere utilizzato per la produzione interna od essere inviato ad un altro terzista per essere lavorato insieme ad altri materiali. Gli ordini di produzione vengono rilasciati in base ai suggerimenti derivanti dal MRP, in questo caso avremo associato al codice da produrre un centro di lavoro esterno. Chi si occupa della programmazione della produzione avrà il compito di valutare i suggerimenti forniti dal MRP e decidere se unire o meno gli ordini di lavorazione, se spostarli o annullarli in base alle esigenze produttive. L’ordine di conto lavoro conterrà in testata le informazioni relative al terzista, se l’ordine è aperto oppure no, il magazzino con cui deve essere alimentato il terzista, la data di consegna. Le righe dell’ordine saranno costituite dai codici che il terzista dovrà realizzare e la loro QT, la data nel caso di ordine aperto. Infine per ogni codice verranno indicati i materiali necessari per la realizzazione e la loro QT in base al coefficiente d’impiego presente in distinta. Una volta emesso l’ordine sarà necessario inviare i materiali che il terzista non ha presso il suo deposito generando una lista di prelievo materiali. Quando verranno inviati i materiali al terzista verranno scalati dall’ordine, mentre quando il terzista invierà il codice del finito verrà scalata la QT inviata dall’ordine, in questo modo avremo ordini non alimentati (nessun materiale è stato inviato al terzista), ordini parzialmente alimentati (Alcuni codici o tutti i codici ma per una QT inferiore sono stati inviati al terzista), ordini completamente alimentati (tutti i materiali sono stati inviati al terzista), Ordini parzialmente evasi ( Alcuni prodotti finiti sono stati inviati dal terzista), ordine completamente evaso (il terzista ha inviato tutti i prodotti finiti).
Oltre agli ordini di lavorazione è possibile emettere degli ordini di riparazione per quei codici che necessitano di una rilavorazione a seguito di controllo qualità.

Lascia un Commento

News