scritto da | on , | Nessun commento

Il flusso fisico normalmente scorre dal fornitore al cliente ma non sono infrequenti i casi in cui il flusso scorra in maniera inversa, nel caso specifico quando i clienti rendono indietro del materiale. Benché si spera che l’entità di tale flusso sia inferiore a quello delle vendite è necessario gestirlo dal punto di vista logistico. Il flusso parte con un reclamo da parte del cliente che può contestare la spedizione effettuata solitamente o per quantità (maggiore o inferiore a quella ordinata) o per qualità (parte o l’intero lotto risultano essere non conformi alle regole di qualità stabilite nel contratto). A seguito del reclamo il cliente procede all’invio del materiale contestato che può o essere rivenduto, oppure inviato come reso, nel secondo caso il materiale rimane di proprietà del cliente pertanto va tenuto separato dall’altro materiale.  A seguito delle indagini dell’ufficio qualità il materiale può essere scartato oppure riparato o restituito al cliente così come è in quanto non si riscontrano difformità. Per gestire tutte queste operazioni è necessario prevedere delle causali per movimentare il materiale in oggetto e dei magazzini appositi dove vengono sistemati i materiali resi dai clienti. Inoltre bisogna prevedere un flusso differente per materiale in garanzia o con garanzia scaduta.

Lascia un Commento

News