scritto da | on | Nessun commento

Il sistema Italia potrebbe risparmiare 1,5 miliardi di euro attraverso una razionalizzazione dei trasporti su gomma: questo e’ l’effetto economico atteso da una riduzione del 5% delle distanze percorse dalla flotta di automezzi pesanti ogni giorno. Questa la ‘sfida’ della Piattaforma logistica Uirnet che punta a diminuire il costo del trasporto e abbattere le emissioni dei camion. A regime, raggiungendo tutti gli obiettivi che il progetto Uirnet si propone, il sistema Italia potrebbe risparmiare 1,5 miliardi di euro attraverso una razionalizzazione dei trasporti su gomma: questo e’ l’effetto economico atteso da una riduzione del 5% nei chilometri percorsi dalla flotta di automezzi pesanti che ogni giorno, nella quasi totalità dei casi senza alcun coordinamento e ottimizzazione logistica, percorrono la rete stradale e autostradale italiana. Ma non meno rilevante e’ l’effetto che questa ottimizzazione dei trasporti- resa possibile dalla realizzazione della piattaforma logistica Italia messa a punto da Uirnet – avrà sull’ambiente: una riduzione del 5% nei chilometri percorsi (spesso senza carico a bordo) dai mezzi pesanti impegnati in Italia, si tradurrà in una riduzione di 4,7 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 tossiche e nocive sia per l’ambiente, sia per la salute pubblica. Questi i dati che emergono dalla prima proiezione sugli effetti della piattaforma Uirnet, presentati oggi a Roma dal presidente di Uirnet, Rodolfo De Dominicis nel corso del convegno ‘Camion Intelligenti: gestire le informazioni per gestire le merci’. La piattaforma inizierà ad operare dal 19 maggio con i primi test sul Dimostratore Nord Ovest (Liguria e Piemonte) con il primo prototipo di attività in grado di verificare sul campo le conseguenze derivanti dal controllo dei flussi informativi. Una prima massa critica di automezzi industriali diventeranno camion intelligenti, saranno cioè connessi ad una rete informatica-telematica collegata con il satellite e delegata a migliorare l’efficienza del sistema fornendo servizi di supporto all’intermodalità, servizi per i trasportatori e servizi di supporto alle imprese. Sono inoltre in fase di avvio i lavori per la realizzazione del modulo di Sicurezza stradale con due obiettivi: sicurezza del driver tramite la supervisione dello stile di guida e il monitoraggio dello stato psico-fisico del guidatore; quindi sicurezza del mezzo con il monitoraggio della distanza di sicurezza e fermo veicolo nonché la tracciabilità delle utenze temporanee.

Lascia un Commento

News