scritto da | on | Nessun commento

Per migliorare le performance di prelievo in magazzino è possibile agire attraverso tre leve:

  1. Ottimizzare lo stoccaggio della merce in magazzino
  2. Ottimizzare le liste di prelievo
  3. Ottimizzare il percorso di prelievo

Tali leve sono tra di loro collegate in quanto non a senso ottimizzare il percorso di prelievo quando le merci sono staccate in maniera non ottimale, ed un percorso di prelievo ottimizzato influenza la struttura della lista di prelievo.
La ricerca operativa ha individuato diverse soluzioni a questa classe di problemi il principale dei quali può essere individuato nel problema del cammino minimo di due vertici di un grafo. Dal punto di vista applicativo possiamo considerare come vertici del grafo il punto di ingresso e di uscita dell’operatore dal magazzino, mentre consideriamo i vari punti del grafo come i punti in cui è ubicata la merce che l’operatore deve prelevare. Per la risoluzione di tale problema sono stati elaborati diversi algoritmi in base alle varianti del problema alcuni dei quali sono:

  • Algoritmo di Dijkstra – risolve problemi con una sola sorgente se tutti i pesi degli archi sono maggiori o uguali a zero. Senza richiedere un elevato tempo d’esecuzione, questo algoritmo può infatti calcolare la strada più breve da un determinato nodo di partenza “p” e tutti gli altri nodi del grafo.
  • Algoritmo di Bellman-Ford – risolve problemi con una sola sorgente, anche se i pesi degli archi sono negativi
  • Algoritmo di ricerca A* – risolve problemi con una sola sorgente usando l’euristica per tentare di velocizzare la ricerca.

L’applicazioni di tali algoritmi porta benefici nel caso vengano effettuati moltissimi prelievi al giorno pertanto nel caso non vi siamo un elevato numero di prelievo la soluzione ottimale è la gestione ottimizzate delle ubicazioni di magazzino per la risoluzione della quale non sono necessari sofisticati algoritmi.

Lascia un Commento

News