scritto da | on | Nessun commento

Una azienda che distribuisce materiale per l’edilizia si trova a gestire materiale con una ampia classe di variabilità in termini di dimensioni, pesi, forme e composizione degli articoli, pertanto presenta particolari esigenze per quanto riguarda lo stoccaggio dei materiali. Una prima esigenza riguarda la posizione del magazzino, in quanto la principale attività dell’azienda è fornire un collegamento tra i produttori e gli utilizzatori pertanto la scelta della posizione geografica è di fondamentale importanza. Per poter effettuare questa scelta è necessario tenere in considerazione due parametri: la distanza dai fornitori e quella dai clienti. Nel primo caso basta partire dall’elenco di fornitori di una determinata area geografica, identificando la posizione per ogni fornitore (coordinate geografiche), mentre nel secondo possiamo individuare per ogni area geografica la numerosità dei potenziali clienti (indicatori utili provengono dai piano regolatori che indicano, le aree edificabili e volumetria. Altro indicatore è costituito dal numero di edifici presenti nell’area e del loro anno di edificazione, in questo caso più vecchi saranno gli edifici e maggiori saranno le esigenze di ristrutturazione). Sulla base di questi dati con l’ausilio di un software GIS è possibile individuare una area in cui è più conveniente ubicare il magazzino, individuata l’area è necessario valutare la concorrenza e le aree in cui ci siano dei magazzini disponibili o dove è possibile edificarne uno nuovo.

Una volta stabilita l’ubicazione del magazzino è necessario individuare i sistemi di stoccaggio più adatti per i materiali trattati, nel caso dei materiali edili possiamo avere due tipi di magazzino, uno all’aperto ed uno al chiuso. Per il magazzino all’aperto non sono necessarie strutture di stoccaggio ad eccezione di sistemi cantilever per la sistemazione delle tubazione o di materiale di carpenteria, per il resto dei materiali verrà utilizzato il sistema a catasta. Per il magazzino interno è opportuno utilizzare scaffalature porta pallet in acciaio laminato a caldo adatti per lo stoccaggio di prodotti pesanti e difficili e per l’impiego in attività di magazzino pesanti, rozze e finalizzate al rendimento.

Lascia un Commento

News