scritto da | on | Nessun commento

La grande distribuzione ha il compito principale di trasferire nel tempo e nello spazio i prodotti realizzati dalle imprese manifatturiere, tale funzione ha impatti rilevanti dal punto di vista logistico in quanto la grande distribuzione si carico dell’ultima parte della supply chain, quella vicina al consumatore finale. Possiamo dire che la logistica della grande distribuzione si caratterizza per i grandi numeri: Il numero elevato di codici gestiti (circa 30000 referenze per un ipermercato),  il numero elevato di magazzini distribuiti sul territorio, il numero elevato di clienti serviti, il numero elevato di consegne e prelievi effettuato. Uno scenario del genere non può essere gestito senza l’uso massiccio della tecnologia informatica e di sistemi di identificazione, inoltre sono di grandissimo aiuto i modelli elaborati dalla ricerca operativa per la risoluzione delle problematiche relative alla gestione delle scorte(è impensabile una gestione a vista delle scorte) e dei trasporti tra i vari magazzini. E se la mia azienda appartiene alla distribuzione ma non a quella grande? Se la mia azienda è un negozio di vicinato è necessario l’utilizzo intensivo delle tecnologie informatiche? La risposta può essere sicuramente affermativa anche se in questo caso le dimensioni saranno minori, ma anche un negozio di vicinato gestisce un numero elevato di referenze e non può prescindere dall’utilizzo di un sistema di lettura dei codici a barre, tra l’altro grazie all’evoluzione tecnologica è possibile ridurre la distanza tra flusso fisico delle merci e quello informativo anche per un piccolo negozio di alimentari a prezzi decisamente ragionevoli e con notevoli benefici.

Lascia un Commento

News