scritto da | on | Nessun commento

Visto l’interesse suscitato per l’argomento iniziamo con questo articolo una serie di post dedicati alla sicurezza in magazzino, premettendo che un qualsiasi piano per la sicurezza debba essere affidato a consulenti esperti, mi limiterò a dare alcune indicazioni ed a soffermarmi sulle implicazioni che la sicurezza ha sui processi logistici.
Le aree di transito sono i passaggi presenti in azienda e si possono classificare in base all’uso:

  • Carrelli
  • Persone
  • Automezzi
  • Merci
  • Emergenza ed esodo

I pericoli collegati alle aree di transito possono provenire da aspetti fisici come le cadute, le collisioni, gli urti o l’impossibilità di evacuazione, oppure possono provenire dalla presenza di agenti dannosi.
Fondamentalmente le indicazioni per la sicurezza delle aree di transito possono riguardare i seguenti elementi:
Pavimentazione: La pavimentazione delle aree di transito va mantenuta regolare ed uniforme, pulita, in particolare da sostanze sdrucciolevoli. I dislivelli vanno eliminati attraverso rampe, le eventuali aperture vanno protette così come i passaggi sopraelevati.
Passaggio veicoli: deve essere garantita sufficiente visibilità, devono permettere il transito di pedoni senza che questi incorrano in situazioni di pericolo predisponendo corridoi di lunghezza sufficiente, delimitati da strisce.
Punti d’incrocio: In questi punti solitamente la visuale non è buona, in questi punti devono essere osservate particolari precauzioni, anche espresse tramite segnaletica, come limitazione della velocità dei mezzi, divieto di occupare le altre corsie, obbligo di segnalazione acustica.
Installazioni pericolose: Queste zone vanno opportunamente segnalate e limitate ai soli addetti autorizzati, adottando eventualmente mezzi atti ad impedire che persone non autorizzare possano accedere alle zone di rischio.
La sicurezza delle zone di transito impatta sul layout del magazzino e sulla movimentazione della merce, pertanto bisogna tenerne conto nella progettazione del magazzino, evidenziando i flussi di persone (distinguendo tra Magazzinieri ed altro personale), i flussi di mezzi e di merci. In modo particolare bisogna porre attenzione alle persone che spesse volte al di là delle norme di sicurezza tendono a scegliere nei loro spostamenti il tragitto più breve, occorre quindi fare in modo che il percorso più breve sia anche il più sicuro.

Lascia un Commento

News