Le reti neurali

set
2010
23

scritto da | on | Nessun commento

Una rete neurale rappresenta  un insieme  di neuroni artificiali, strettamente collegati tra loro, secondo una particolare topologia o architettura. Lo scopo finale delle reti neurali artificiali è realizzare i meccanismi di apprendimento del cervello umano, facendo in modo che la rete interagisca con l’ambiente esterno senza l’intervento umano, oltre quello della creazione.  Le reti neurali possono apparire fantascientifiche e lontane dal mondo dell’impresa ed in modo particolare dalle piccole e medie imprese ma in realtà esistono diverse applicazioni pratiche alcune delle quali possono essere alla portata delle PMI. Le reti neurali possono essere utilizzate per la simulazione della supply chain, per la gestione delle consegne, per l’analisi dei dati del sistema distributivo o del magazzino, per la gestione di un magazzino automatico, per le attività di scheduling della produzione, per la gestione dei prelievi in magazzino o per il carico di automezzi. Le reti neurali possono avere differenti applicazioni in quanto rappresentano una modalità risolutiva di diverse tipologie di problemi, per alcuni dei quali sono maggiormente performanti rispetto ad altri algoritmi risolutivi. Ma è possibile per una media impresa realizzare una rete neurale “fatta in casa” e sfruttarne quindi i suoi vantaggi? In rete esistono diverse librerie che consentono l’utilizzo delle reti neurali in vari applicativi come ad esempio nel caso del programma statistico R esistono librerie per l’analisi dei dati che fanno uso di reti neurali, in questo caso possono essere analizzati di dati relativi al proprio sistema distributivo per classificare e riconoscere modelli.  Un testo estremamente utile ed agile è “Intelligenza artificiale con Visual Basic” , dove sono presenti numerosi esempi che possono quindi essere utilizzati per realizzare soluzioni con Access o Excel.

Lascia un Commento

News