Check-up logistico

nov
2010
12

scritto da | on | Nessun commento

La storia ha solitamente inizio con l’avvertire un dolore in un determinato punto del corpo, una sensazione di malessere e termina nello studio del medico che prescrive una serie di analisi per valutare in maniera scientifica i sintomi manifestati dal paziente. Più volte abbiamo detto che l’azienda è un sistema complesso e non è fuori luogo paragonarlo al corpo umano e pertanto è possibile evidenziare dei sintomi del sistema logistico che possono portare ad effettuare un check-up logistico al fine di individuare le cause dei sintomi evidenziati e predisporre le “cure” necessarie. Quali possono essere quindi i sintomi che possono metter in allarme l’azienda? Eccone alcuni:

  • Tempi consegna più lunghi della concorrenza
  • Ritardi di consegna dei prodotti ai clienti
  • Difficoltà a rispettare le frequenze di consegna
  • Difficoltà a rispondere velocemente ad aumenti di richieste rispetto alla media
  • Errori nelle consegne dei prodotti
  • Incapacità nel definire date di consegna realistiche
  • Elevati indici di rotazione
  • Aumento del work in progress
  • Aumento del tempo di lead time
  • Elevate giacenze di codici obsoleti
  • Difficoltà di programmazione dei rifornimenti
  • Necessità di utilizzare le scorte come polmone per fronteggiare la stagionalità della domanda
  • Lentezza nei rifornimenti di materiali
  • Elevato numero di codici mancanti
  • Frequenti trasferimenti tra depositi differenti.

A questo punto è necessario effettuare un check-up del livello di servizio logistico al fine di individuare le cause dei sintomi precedentemente individuati, un buon check-up è chiaramente ritagliato sulle esigenze e le caratteristiche dell’impresa pertanto forniamo uno schema generale che può essere d’aiuto nel formulare il proprio check-up logistico. A livello strutturale vanno presi in considerazione i seguenti elementi:

  • Requisiti di servizio del mercato
  • Modalità di determinazione della domanda e gestione ordini
  • Tempi di reazione e la flessibilità del sistema produttivo
  • Il sistema distributivo e le modalità di trasporto
  • Il sistema di gestione delle informazioni logistiche

A livello operativo vanno esaminati i seguenti elementi:

  • I sistemi di previsione e raccolta ordini
  • I sistemi di pianificazione delle attività di vendita, consegna e produzione
  • Le politiche e sistemi di gestione degli stock di prodotto finito
  • I sistemi di programmazione della produzione
  • I sistemi di gestione delle attività della distribuzione fisica
  • I sistemi di misurazione e controllo delle prestazioni logistiche.

Lascia un Commento

News