scritto da | on | Nessun commento

In tempi di crisi si rende necessario recuperare liquidità non solo attraverso la riduzione dei costi ma anche attraverso il recupero di flussi di natura tipicamente finanziaria. Come più volte evidenziato l’impresa è un sistema complesso fatto di elementi tra di loro correlate, pertanto in questa ottica è evidente come gli obiettivi di recuperare la liquidità, tipicamente appannaggio della gestione finanziaria dell’impresa abbiano i loro riflessi sulla gestione logistica, ovvero come facciamo a tradurre l’obiettivo della maggiore liquidità in obiettivi per la logistica ? Il punto di collegamento è dato dal capitale circolante che in termini finanziari è dato dalla somma delle scorte più i crediti commerciali meno i debiti fornitori, tale relazione può essere tradotta in termini logistici come giorni di copertura magazzini, giorni di credito clienti e giorni di debito fornitori. In tale ottica chi si occupa di logistica in azienda deve considerare le scorte non solo dal punto di vista operativo ma anche dal punto di vista finanziario e quindi mettere in atto operazioni che permettano di recuperare liquidità come può essere lo smaltimento di prodotti obsoleti, o altre operazioni atte a ridurre le scorte senza compromettere il servizio al cliente. La supply chain può essere vista come una rete di partecipanti che scambiano beni, servizi e informazioni a fronte di ordini di acquisto e pagamento. La componente finanziaria espressa da fatture e pagamenti funge da collante tra i vari attori in gioco, in tale ambito il controllo passa dalle aziende agli erogatori dei flussi finanziari.

Lascia un Commento

News