scritto da | on | Nessun commento

Nel caso dei prelievi per la produzione il materiale generalmente non lascia l’azienda e viene immesso nel processo produttivo. I prelievi per la produzione si distinguono per la loro maggiore frequenza visto il costo nullo di trasporto, questo non significa che questo tipo di prelievo non possa essere ottimizzato. Possiamo avere diverse modalità di prelievo:

  1. Prelievo per ordine di produzione
  2. Prelievo per centro di lavoro
  3. Prelievo di materiale a dotazione

Prelievo per ordine di produzione: In questo caso viene prelevato tutto il materiale necessario per realizzare l’ordine di produzione. È utile nel caso si lavori per commessa e vi siano molti materiali diversi per ogni ordine di produzione, in questo modo si mantiene un maggiore controllo sul singolo ordine verificando i particolari mancanti.
Prelievo per centro di lavoro: In questo caso viene prelevato il materiale necessario alle lavorazioni del centro per un determinato periodo di tempo, di solito una settimana. Operativamente è necessario raggruppare gli ordini di produzione delle stesso centro di produzione, sommare le quantità degli articoli comuni e suddividere i prelievi per ubicazioni. In questo caso sono necessarie due liste: Una di prelievo ed una di smistamento, necessaria al personale in reparto per suddividere il materiale necessario alle diverse lavorazioni.
Prelievo di materiale a dotazione: In questo caso periodicamente, attraverso una gestione a punto di riordino o a kanban vengono prelevati i materiali per i centri di lavorazione che sono comuni a più lavorazioni.
L’organizzazione dei prelievi per la produzione dipende molto dalla tipologia di processo produttivo realizzato, dal layout dei reparti di produzione e dalla presenza o meno di magazzini di reparto da gestire. È importante che i prelievi avvengano in modo che la produzione non venga bloccata perché il materiale è presente ma è ancora in magazzino, dall’altra parte bisogna bilanciare le eventuali scorte detenute dai vari centri di lavorazione soprattutto nel caso di materie prime comuni alle diverse linee di produzione.

Lascia un Commento

News