scritto da | on , | Nessun commento

Richiedi il tuo piano logistico gratuito

Creare un sito E-commerce oggi giorno è relativamente facile, esistono diversi software che permettono di creare un sito con pochi clic (alcuni anche open source), ci sono collaudati sistemi per la gestione degli ordini e dei pagamenti on line, ma una volta recepito l’ordine il flusso passa da virtuale a reale e il bene deve giungere dal fornitore al compratore. Realizzare un piano logistico per un sito e-commerce significa predisporre una struttura in grado di rispondere alle seguenti sfide:

  • aumento del numero delle consegne;
  • aumento delle consegne a lunga distanza;
  • aumento delle consegne a domicilio;
  • diminuzione dei tempi di consegna;
  • impossibilità di pianificare a lungo termine le consegne.

Per rispondere a queste sfide è necessario realizzare le seguenti operazioni:

  1. Analisi delle esigenze dei clienti
  2. Definizione del flusso logistico
  3. Definizione della struttura logistica

Analisi delle esigenze dei clienti: In questa fase bisogna individuare quali sono le caratteristiche dei clienti dal punto di vista logistico, ovvero la loro numerosità, la loro distribuzione sul territorio, il numero medio di righe d’ordine, il volume medio dell’ordine. Bisogna poi individuare quali sono le caratteristiche del prodotto come il suo peso, la dimensione ed il volume. A questo punto si hanno a disposizione i requisiti che il sistema logistico deve soddisfare in moda da individuarne la composizione e la sua dimensione.
Definizione del flusso logistico: In questa fase bisogna il processo che conduce il prodotto dal fornitore al cliente finale. In buona sostanza possiamo individuare alcune fasi comuni alle diverse tipologie di sistemi e-commerce:

  • movimentazione in entrata;
  • picking e packing;
  • elezione del corriere;
  • movimentazione in uscita;
  • assortimento magazzino;
  • gestione resi e mancate consegne

Definizione della struttura logistica: In questa fase bisogna individuare quanti e quali depositi utilizzare e come devono essere distribuiti, quali vettori utilizzare ed infine decidere quale parte della struttura affidare a terzi e quali gestire internamente.

Lascia un Commento

News