scritto da | on , | Nessun commento

L’investimento in automazione nel magazzino è solitamente un investimento oneroso, ma come per tutti gli investimenti bisogna valutare i costi ed i benefici che matematicamente sono espressi attraverso il tasso interno di rendimento dell’investimento.

Se la nostra azienda decide di acquistare un magazzino automatico o di installare un sistema in radiofrequenza o una linea di smistamento automatico non possiamo limitarci a sapere quale è la spesa, dobbiamo calcolare il TIR (tasso interno di rendimento) e per fare questo non abbiamo bisogno di un supercalcolatore ma di un semplice PC dotato di un foglio di calcolo (se sbirciate tra le funzioni di Excel c’è proprio una funzione che si chiama TIR.COST).

Quando investiamo in automazione inseriamo nella nostra azienda un sistema di controllo delle macchine o dei processi che consente di ridurre la necessità dell’intervento umano. Nel film Matrix l’agente Smith afferma che non bisogna “Mai mandare un essere umano a fare il lavoro di una macchina” , quando dobbiamo compiere operazioni identiche tra loro e con elevati volumi è bene lasciare il posto all’automazione, le macchine sono più performanti degli esseri umani in questa situazione e non c’è nulla di drammatico e sconvolgente in tutto questo, bisogna liberare il personale da operazioni ripetitive ed utilizzare la loro migliore qualità ovvero la capacità di pensare, di risolvere problemi sempre differenti, di stabilire connessioni dove all’apparenza sembrano non essercene.

Se le operazioni che svolgete in magazzino sono standard e presentano elevati volumi giornalieri allora la strada da percorrere è quella dell’automazione e date retta all’agente Smith.

Lascia un Commento

News