scritto da | on , | Nessun commento

Microsoft Excel, pur essendo tecnicamente un foglio elettronico, trasforma radicalmente il concetto di spreadsheet tradizionale, mettendo a disposizione dell’utente funzioni estremamente sofisticate ma dall’utilizzo semplice ed intuitivo.

Essendo dotato oltre che di avanzate funzioni matematiche ed ingegneristiche anche di funzioni statistiche per la gestione dei dati e per la realizzazione di grafici, può essere considerato uno dei più completi fogli elettronici attualmente disponibili.

Il testo si propone come una guida di riferimento per quanti debbano risolvere problemi di calcolo statistico anche molto complessi, richiedendo una conoscenza di base del foglio elettronico, di statistica descrittiva e di statistica inferenziale. Spesso, infatti, il Responsabile Qualità, il Responsabile di Produzione, ecc., si trovano nella necessità di elaborare dati (anche, ma non solo, alla luce di quanto disposto dalla normativa per la qualità UNI EN ISO 9001: 2000) senza dover ricorrere per questo all’utilizzo di complicati software statistici. Una valida alternativa può essere rappresentata dall’utilizzo del programma Microsoft Excel.

Il volume è idealmente suddiviso in sei parti: la prima (capitolo 1) presenta un’introduzione al foglio elettronico Excel limitando, volutamente la trattazione alla gestione delle funzioni di lavoro su righe, colonne, celle e formule; la seconda (capitolo 2) è dedicata alle rappresentazioni grafiche, evidenziando, in particolare, come realizzare istogrammi, diagrammi di Pareto, Box-Plot; la terza (capitoli 3, 4, 5, 6) affronta la statistica descrittiva (misure di tendenza centrale, misure di variabilità, misure di forma e lo strumento di analisi: statistica descrittiva); la quarta (capitolo 7) mostra come sia possibile affrontare con Excel i problemi legati alle principali distribuzioni di probabilità (binomiale, ipergeometrica, Poisson, normale); la quinta (capitoli 8, 9, 10) esamina le principali tecniche legate all’inferenza statistica (parametrica, non parametrica e l’analisi della varianza) analizzando, con particolare attenzione, alcuni degli strumenti di analisi dei dati forniti con il programma; infine, la sesta (capitolo 11) tratta il metodo dei minimi quadrati per la determinazione della funzione di regressione (lineare, logaritmica, polinomiale, potenza, esponenziale) e la correlazione.

Lascia un Commento

News