scritto da | on , | Nessun commento

Il Vendor-Managed Inventory (VMI) è una famiglia di modelli di business in cui l’acquirente di un prodotto fornisce alcune informazioni al fornitore di tale prodotto e il fornitore assume la piena responsabilità per il mantenimento di una scorta concordata  di materiale, di solito nel luogo di consumo dell’acquirente solitamente un negozio. Una terza parte logistica può essere coinvolta per assicurarsi che l’acquirente abbia il necessario livello di scorta regolando il gap tra domanda e offerta.

Come un in rapporto simbiotico,  il VMI rende meno probabile che via sia una rottura di stock e riduce scorte nella catena di fornitura. Inoltre, il venditore collabora con il cliente, assicurando che il prodotto venga  visualizzato correttamente ed aiuta il  personale del negozio, avendo familiarità con le caratteristiche della linea di prodotti. In alcuni casi, se il materiale non viene, il venditore (fornitore) riacquista il prodotto da parte dell’acquirente (rivenditore). In altri casi, il prodotto può essere in possesso del venditore, ma non è di proprietà del venditore fino a quando la vendita si svolge, nel senso che il rivenditore semplicemente conserva  il prodotto in cambio di una commissione predeterminata (a volte indicato come consignment stock). Il VMI aiuta a promuovere una migliore comprensione tra il fornitore e produttore tramite  software di Electronic Data Interchange, e attraverso metodologie statistiche per prevedere e gestire l’inventario corretto nella catena di fornitura .

Il fornitore beneficia  di un maggiore controllo delle vendite ed ha un contatto per diffondere la conoscenza ai  dipendenti, inoltre beneficiano di una riduzione del rischio, una migliore conoscenza personale delcliente. I clienti beneficiano dell’esperienza del fornitore sul prodotto e riescono a venderlo meglio al cliente finale.

Lascia un Commento

News