Certificazione AEO

apr
2013
05

scritto da | on , | Nessun commento

La certificazione dell’A.E.O. si applica agli operatori economici ed ai loro partner commerciali che operano nella catena di approvvigionamento internazionale, (fabbricanti, esportatori, speditori/imprese di spedizione,  depositari,  agenti doganali, vettori,  importatori) e che, nel corso delle loro attività commerciali, prendono parte ad attività regolate dal codice doganale e si qualificano positivamente rispetto agli altri operatori, in quanto ritenuti affidabili e sicuri nella catena di approvvigionamento.

Il riconoscimento dello status di AEO permette, alle imprese di avvalersi di vantaggi ed agevolazioni di natura diretta ed indiretta in relazione alle operazioni commerciali che sono soggette a regolamento doganale.

I requisiti richiesti per ottenere lo status di AEO sono predisposti per tutti i tipi di imprese (anche piccole e medie), indipendentemente dalla loro dimensione. Tali caratteristiche variano e dipendono dalle dimensioni e dalla complessità delle attività svolte, dal tipo di merci commercializzate  nonché da altri fattori specifici di cui terrà conto l’Autorità doganale.

L’affidabilità comunitaria e lo status di AEO sono dichiarati, a seguito di apposito accertamento dall’Agenzia delle Dogane, alle imprese che attestano il rispetto degli obblighi doganali, il rispetto dei criteri previsti per il sistema contabile, la solvibilità finanziaria; per il riconoscimento dello status di AEO/sicurezza si deve dimostrare, oltre al possesso dei requisiti precedenti, anche quello relativo alla rispondenza ad adeguate norme di sicurezza.

Le imprese ritenute affidabili su tutto il territorio può godere di specifici benefici che dipendono dal tipo di certificato acquisito, dal tipo si attività svolta all’interno della catena logistica internazionale, dal grado di affidabilità concesso dall’Autorità doganale in sede di verifica.

Possiamo quindi individuare i seguenti vantaggi:

  • riduzione dei controlli documentali, scanner e fisici
  • trattamento prioritario delle spedizioni se selezionate per il controllo
  • numero ridotto di dati per le dichiarazioni sommarie
  • comunicazione preventiva dell’esito positivo del circuito doganale di controllo sulla dichiarazione sommaria
  • minore ritardo nelle spedizioni;
  • aumento della sicurezza e migliore comunicazione tra le parti della catena logistica;
  • fidelizzazione della clientela.

Lascia un Commento

News