scritto da | on , | Nessun commento

Le tecniche per stabilire come approvvigionarsi (sia materiale in acquisto che produzione) possono essere divise in due grandi tipologie: Fabbisogno e ripristino.

Fabbisogno: Con questo metodo si accumula il materiale con adeguato anticipo il materiale in vista di un futuro prelievo.

Ripristino: Si mantiene a scorta un livello adeguato di materiale che viene ripristinato solo in seguito ad un prelievo.

Le due tecniche presentano vantaggi e svantaggi, infatti le tecniche a fabbisogno tendono a mantenere un livello più basso di magazzino ma necessitano di informazioni puntuali sui prelievi futuri di magazzino, mentre le tecniche a ripristino tendono a mantenere un livello più alto di magazzino ma necessitano di meno informazioni per essere gestite.

La scelta tra tecnica a fabbisogno o ripristino dipende dal profilo della domanda, una domanda sporadica è meglio gestita con una tecnica a fabbisogno, mentre una domanda di tipo dipendente è meglio gestita con una tecnica a ripristino.

Vediamo una semplice procedura per scegliere la tecnica di approvvigionamento.

Analisi del profilo della domanda: Identificare la tipologia di domanda in base allo storico dei prelievi, per l’analisi può essere utile l’algoritmo presentato in questo articolo(http://www.infologis.biz/2010/09/01/individuare-il-tipo-di-domanda/)

Scelta della tecnica di approvvigionamento: Per ogni articolo in base alla tipologia di domanda abbinare la tecnica di approvvigionamento più adatta. Uno schema per l’abbinamento potrebbe essere il seguente:

Domanda dipendente: Fabbisogno

Domanda indipendente: Se regolare Ripristino , se irregolare fabbisogno

Monitoraggio delle performance: Per ogni articolo bisogna valutare se la tecnica scelta sia quella più adatta valutando, l’indice di rotazione, la giacenza media, obsolescenza, stockout.

L’aggiornamento delle tecniche di approvvigionamento va effettuato con periodicità che dipende dalla turbolenza ambientale in cui opera l’impresa, ovvero maggiori sono in mercati in cui opera, oppure c’è una forte variazione della domanda e del prezzo di vendita maggiore deve essere la frequenza di aggiornamento delle tecniche di approvvigionamento.

Lascia un Commento

News