scritto da | on , , | Nessun commento

Avere sotto controllo i costi di trasporto è molto importante soprattutto in un periodo in cui i ricavi si riducono è necessario eliminare tutti gli sprechi. Per monitorare i costi di trasporto è necessario analizzare le spedizioni per individuare i punti di miglioramento.

Per realizzare uno strumento per monitorare le spedizioni utilizziamo due fonti dati, le tabelle con le testate e le righe dei documenti di trasporto ed i dati provenienti dalle fatture dei corrieri espressi (molti corrieri mettono a disposizione diversi strumenti per tenere traccia delle spedizioni e dei dati relativi ai costi), infine è necessario costruire una tabella con le distanze tra il punto di partenza (il nostro o i nostri magazzini) ed i punti di destinazione (i clienti oppure i fornitori nel caso inviamo materiale in conto lavoro).

A questo punto possiamo costruire delle tabelle con le informazioni come in figura. A questo punto possiamo costruire diversi report per analizzare le spese di spedizioni come ad esempio Spese trasporto per mese, Spese trasporto per regione, Spese trasporto per causale, Spese trasporto per tariffa, Km per mese, Top ten destinazioni, Km per tariffa, Peso per mese, Peso per tariffa, Colli per mese, Colli per regione, Colli per causale, Colli per tariffa, Costo KM per mese, Costo KM per tariffa, Costo peso per mese, Costo peso per tariffa, Spese per mese tariffa, Spedizioni per NC mese, Spedizioni per NC corriere, Spese per corriere, Spese per corriere tariffa, costo KM per corriere, Costo peso per corriere, Peso extra per regione, colli extra per regione, Peso extra per mese, colli extra per mese.

Infine possiamo calcolare alcuni KPI per avere una lettura a colpo d’occhio:

  • Costo per KM
  • Costo per peso
  • Non conformità
  • Peso extra
  • Colli fuori misura

Per ogni KPI fissiamo un valore obiettivo e ne valutiamo lo scostamento, quando lo scostamento è eccessivo procediamo ad analizzare i report collegati al KPI, ad esempio per quanto riguarda il costo per KM, andremo ad analizzarlo per vettore, per area geografica, per causale o per tariffa.

Lascia un Commento

News