Stock allocation

nov
2013
20

scritto da | on , , | Nessun commento

In una impresa commerciale si presenta la necessità di determinare quali ordini cliente evadere in base alle disponibilità di magazzino, in fatti non sempre la giacenza di un articolo riesce a coprire la domanda per un determinato periodo, pertanto si rende necessario definire una procedura in grado di distribuire la giacenza su più ordini.

Una volta definito il periodo di analisi della domanda si selezionano gli ordini le cui consegne ricadono in quel periodo e si determina la qt domandata. A questo punto bisogna definire una serie di vincoli e criteri per attribuire la giacenza ai vari ordini.

Un primo criterio è quello di considerare la percentuale di evadibilità dell’ordine ovvero quante righe d’ordine si riescono ad evadere in modo da assegnare la giacenza a quegli ordini che si possono evadere completamente, in modo da non spedire delle quantità parziali.

Un altro criterio riguarda la data di arrivo dell’ordine e la data richiesta di consegna, in modo da evadere gli ordini arrivati prima e che devono essere consegnati per prima. Altro criterio è l’importanza commerciale del cliente, quindi si potrebbe decidere di evadere prima gli ordini dei clienti più importanti.

Un altro criterio è quello di garantire ad ogni cliente un certo mix di assortimento distribuendo la giacenza in proporzione ai vari ordini, in modo che ogni cliente possa mantenere un certo assortimento nel proprio punto vendita.

Possiamo infine applicare diversi criteri contemporaneamente e valutare quello che ci garantisce il miglior livello di servizio (completezza dell’ordine, riduzione delle consegne, assortimento), in questo modo andiamo a scegliere la soluzione più adatta di volta in volta.

Operativamente possiamo inserire la stock allocation all’interno della procedura di evasione ordini, pertanto con frequenza settimanale viene determinato la domanda per il periodo di riferimento, viene applicato l’algoritmo di stock allocation e si determinano gli ordini da evadere e quindi di generano le picking list da inviare al magazzino per il prelievo e l’allestimento degli ordini.

Lascia un Commento

News