scritto da | on , , | Nessun commento

Un magazzino troppo pieno può generare ritardi o errori nei prelievi, viceversa un magazzino vuoto genera dei costi per lo spazio inutilizzato, è quindi importante valutare il livello di saturazione del magazzino per prendere decisioni in merito al sistema di ubicazioni, oppure al sistema di stoccaggio o per pianificare correttamente la sosta in magazzino del materiale modificando le politiche di approvvigionamento (lotto d’acquisto e tempi di copertura).

Esistono diversi modi per calcolare il livello di saturazione del magazzino, in base alle informazioni fornite dal gestionale di magazzino. Un primo modo abbastanza elementare è quello estrarre tutte le ubicazioni e contare quelle piene e poi dividere questo numero per il totale delle ubicazioni. Questo metodo molto veloce è adeguato per magazzini che hanno ubicazioni identiche o comunque abbastanza simili ad esempio tutti scaffali con dimensione identica dei ripiani e uguale altezza dei ripiani. In caso siano presenti sistemi di stoccaggio differenti il dato non è molto affidabile perché potrebbero esserci ubicazioni di volumi diversi.

Un metodo più preciso è quello di calcolare il volume delle diverse tipologie di ubicazioni attraverso una semplice tabella con i seguenti campi:

Tipologia ubicazione: Ripiano scaffale, cassetto, area a terra, cassetto magazzino automatico e così via

Altezza Ubicazione

Profondità Ubicazione

Larghezza ubicazione

Volume ubicazione: Altezza Ubicazione X Profondità Ubicazione X Larghezza ubicazione

Numero ubicazioni: Totale ripiani, totale cassetti e così via

Volume totale: Volume ubicazione X Numero ubicazioni

Per calcolare il volume occupato invece costruiamo una tabella di questo tipo:

CODICE: Codice articolo

QT per confezione: Quanti item sono presenti in una scatola

Giacenza articolo: QT in giacenza

Numero scatole: Giacenza articolo / QT per confezione

Volume Scatola: Moltiplichiamo H X P X L

Volume totale: Volume Scatola X Numero scatole

Per calcolare il grado di saturazione possiamo dividere il volume totale delle scatole per il volume totale delle ubicazioni, se il nostro grado di saturazione è superiore al 100% significa che abbiamo merce non ubicata che potrebbe essere d’intralcio per i prelievi o potremmo perderne traccia.

Molti gestionali di magazzino consentono di inserire i dati relativi ai volumi delle ubicazioni e degli articoli in modo da ottenere in automatico il grado di saturazione volumetrica, molto spesso però questi campi non vengono compilati perché non ritenuti essenziali, ma una mappatura quanto più precisa del magazzino ci aiuta a gestire meglio il nostro lavoro.

Lascia un Commento

News