scritto da | on , , | Nessun commento

 

Ridurre la distanza tra flusso informativo e dei materiali richiede che vi sia una corretta mappatura del magazzino ovvero individuare e nominare le aree destinare ad accogliere i materiali. Possiamo individuare tre elementi di un magazzino:

  • Aree di stoccaggio
  • Aree operative
  • Baie

Aree di stoccaggio:Aree fisiche in cui il materiale viene conservato attraverso uno stesso sistema di stoccaggio (Scaffalatura, Cantilever, Magazzini verticali …)

Aree operative :Aree fisiche in cui il materiale sosta in attesa di una trasformazione logistica (conteggio, controllo, etichettatura, smistamento …)

Baia:Punto d’ingresso/uscita della merce da un magazzino fisico

Per le aree di stoccaggio ed in alcuni casi anche per le aree operative è necessario definire un sistema di coordinate, ovvero un criterio di codifica per individuare in maniera univoca un’ubicazione all’interno di un’area di stoccaggio. Ad esempio per una scaffalatura un sistema di coordinate potrebbe essere: ACCSSRR, dove A indica l’area di stoccaggio, CC la corsia di scaffali, SS il numero dello scaffale e RR il numero del ripiano dello scaffale.

Ogni sistema di gestione del magazzino prevede un suo sistema gerarchico per definire la mappa di magazzino, partendo ad esempio dal tipo di magazzino, definendo successivamente le aree, poi le zone ed infine le ubicazione, chiaramente questa nomenclatura può variare tra i diversi sistemi gestionali, ma la logica è quella di creare diversi livelli di ubicazioni per andare a modellare differenti realtà aziendali. Ad esempio in un magazzino a scaffalature composto da sei ripiani potremmo avere due zone, una bassa accessibile dall’operatore di magazzino ed una alta accessibile tramite muletto. Oppure potremmo creare una zona formata da alcuni scaffali più robusti che possono accogliere articoli più pesanti.

La mappatura di magazzino consente di definire una strategia di carico e di prelievo dei materiali ad esempio se un ordine di prelievo prevede articoli con ubicazione nella zona alta ed articoli nella zona bassa, possiamo indicare al programma di dividere in due l’ordine e creare una lista di prelievo per l’operatore di magazzino a piedi ed una per l’operatore dotato di muletto.

Lascia un Commento

News