scritto da | on , , | Nessun commento

In molte imprese, ancora oggi, il magazzino è visto come un male necessario non come una risorsa importante per l’impresa, e se per la produzione si investe in nuovi e moderni macchinari o il commerciale ha budget importanti per gestire fiere o campagne pubblicitarie, al povero responsabile di magazzino rimangono le briciole con le quali gestire scaffalature, imballaggi, muletti, capannoni e magazzinieri.

Molti imprenditori pensano che un scaffale, un muletto o un imballaggi siano poco importanti per soddisfare il cliente, salvo poi accorgersi che a causa degli scarsi investimenti in logistica, il materiale arriva in ritardo, danneggiato, mancante oppure arriva il codice sbagliato.

In altri casi si sceglie l’esternalizzazione del magazzino in nome dell’efficienza e della riduzione dei costi ma poi il personale della cooperativa a cui si affida il servizio è scarsamente motivato e formato con gravi ripercussioni sul livello di servizio al cliente.

Se il magazzino è il cuore pulsante dell’azienda, che mette in circolo i materiali necessari per la realizzazione del prodotto finale e quindi per la soddisfazione del cliente finale, allora purtroppo in molte aziende questo cuore è malato e pieno di colesterolo. Riprendersi il mercato perduto richiede quindi di investire in logistica, nelle strutture, nei sistemi di stoccaggio e di movimentazione, nei software e nella formazione dei magazzinieri, non bisogna pertanto considerare le spese del magazzino come costi da comprimere il più possibile ma come investimenti per cui valutare il loro ritorno economico.

Lascia un Commento

News