scritto da | on , , | Nessun commento

Con l’evolversi dei processi di filiera e delle esigenze di tracciabilità e rintracciabilità delle merci, si è reso necessario utilizzare sistemi di identificazione automatica più complessi che permettessero di codificare un maggior numero di informazioni. L’etichetta logistica è una carta di identità abbinata ad ogni lotto di produzione in cui vengono inserite le informazioni destinate ad accompagnare il prodotto nelle diverse fasi del percorso di filiera che porta dal produttore, al distributore, al consumatore finale, coinvolgendo anche gli intermediari.

L’informazione chiave è costituita dal GS1 Serial Shipping Container Code (GS1 SSCC), il numero seriale univoco assegnato all’unità logistica, che identifica ogni singolo pallet o cartone.

L’etichetta logistica è lo standard internazionale ideale per l’identificazione dell’unità logistica e per la tracciabilità e rintracciabilità delle merci. Permette infatti di inserire informazioni quali la data di scadenza, il lotto di produzione, il peso in Kg, ecc.

L’etichetta logistica consente di:

  • avere a disposizione informazioni utili per il ritiro delle merci dal circuito commerciale in caso di emergenza;
  • effettuare un tracking preciso dei flussi di merci all’interno della sua catena di movimentazione;
  • risalire velocemente allo stabilimento di produzione dei prodotti stoccati in un determinato deposito o al lotto che li ha generati.

Integrando l’etichetta logistica con la trasmissione elettronica di dati (EDI) ed in particolare con il messaggio DESADV (avviso di spedizione) si permette al distributore di sapere quali caratteristiche hanno le merci che sono in arrivo prima ancora di averle ricevute.

Le unità logistiche sono oggetti realizzati a fini di trasporto e distribuzione, ed i pallet sono un esempio particolare. Utilizzo del Label GS1 Logistic consente agli utenti di identificare le unità logistiche in modo che possano essere monitorati e tracciati lungo tutta la filiera. L’unico requisito obbligatorio è che ogni unità logistica deve essere identificata con un numero seriale unico, il Serial Shipping Container Code (SSCC). La scansione del codice a barre SSCC su ogni unità logistica permette il movimento fisico dell’unità da abbinare con i messaggi commerciali elettronici che si riferiscono a loro.

Lascia un Commento

News