GAS e logistica

Nov
2014
04

scritto da | on , , | Nessun commento

I GAS nascono, dalla ricerca di una alternativa al moderno circuito produttivo e commerciale. Cicli di produzione e consumo leggeri, fondati sulle risorse durevoli di un territorio, rafforzati dai legami sociali che creano e offrono un riparo dalle fluttuazioni del mercato mondiale potrebbero essere la base di un progetto di sviluppo economico-sociale più sostenibile. Il ciclo corto promosso dai GAS aiuta a riportare l’economia al livello delle relazioni, di rapporto diretto tra i produttori e i consumatori, in cui sia possibile stabilire alleanze che saldano legami sul territorio e attivano circuiti di fiducia. E questi circuiti possono dare rifugio a chi si trova espulso dalle regole della concorrenza.

Le diverse scelte di gestione logistica dipendono dal tipo di contesto in cui è calato il GAS. Le incombenze elementari che, comunque, ogni GAS si trova a dover gestire sono:

  1. definizione di un elenco di prodotti
  2. scelta dei fornitori che più rispondono ai criteri dei GAS
  3. contatto con i fornitori per definire prezzi e modalità di consegna
  4. informazione dei membri del GAS sui listini e sulle modalità d’ordine
  5. raccolta ordini e trasmissione ai produttori
  6. ritiro prodotti e stoccaggio
  7. distribuzione dei prodotti tra i partecipanti e raccolta pagamenti
  8. pagamento produttori.

Naturalmente tutto questo comporta tempo, fatica, l’assunzione di alcune responsabilità e anche qualche spesa. È evidente che l’efficienza del processo ordine/consegna/distribuzione dipenderà dalla capacità di dividere i compiti all’interno del gruppo nel modo più equilibrato possibile, senza che tutto ricada sulle spalle delle stesse persone. A meno che non si decida di delegare alcune fasi della logistica a una struttura esterna, ma ciò avviene molto di rado.

Lascia un Commento

News