fbpx

I trend dell’Ecommerce

L’e-commerce in Italia secondo il report annuale di Casaleggio, nel 2014, è aumentato dell’ 8% rispetto all’anno precedente raggiungendo un valore di fatturato pari a 24 miliardi di euro. L’E-commerce è davvero la soluzione e nello stesso tempo il mezzo per uscire dalla crisi? I punti di forza sui quali le imprese hanno focalizzato le loro attività di investimento sull’online commerce sono:

Marketplace: già come negli anni passati i marketplace hanno una posizione dominante e continueranno a crescere nel prossimo futuro. Grazie ai marketplace i merchant possono sfruttare canali già rodati di vendita e i consumatori non devono navigare il web più di quanto sia realmente necessario. Tra i più diffusi: amazon, ebay, pixplace, buy-me, alibaba, etsy.

Vendita all’estero: l’e-commerce è lo strumento principale per chi vuole internazionalizzare, grazie all’e-commerce le imprese possono raggiungere ogni angolo del globo e proporre i loro prodotti.

Logistica e spedizioni: questo elemento oggi è fondamentale. Non pensiamo solo alla capacità di qualche venditore di offrire le spedizioni gratuite, ma anche all’efficienza del trasporto e della consegna fin dentro casa. La gestione dell’ultimo miglio diventa fondamentale.

Predective Selling: prevedere cosa un utente vuole è fondamentale. Se prima il marketing doveva raccogliere informazioni disordinate da fonti poco sicure per targettizare, oggi l’online offre informazioni dettagliate su ogni singolo utente (big data); la differenza la fa chi analizza ed estrapola le giuste informazioni per poi realizzare la strategia.

Abbonamenti: in controtendenza come si possa pensare anche per i prodotti di primo consumo come cibo e cosmetici che richiedono un acquisto ripetuto prendono molto in considerazione la possibilità di sottoscrivere un abbonamento. Inoltre per questi settori si sono parallelamente formati i gruppi di acquisto di consumatori che si organizzano per acquistare in maniera calendarizzata.

Pay per use: per alcuni settori come quello digitale, è in continua crescita l’abitudine da parte degli utenti dell’acquisto temporaneo del bene.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli collegati

Voucher digitale

Finalmente è uscito il decreto direttoriale sul Voucher MiSE, che permette alle imprese di recuperare a fondo perduto fino a 10.000 euro per gli interventi

leggi