scritto da | on , | Nessun commento

scaffalaturaEsistono diverse tipologie di scaffalature che possono essere più o meno adatte al nostro magazzino, vediamo in questo post alcuni suggerimenti per la scelta della scaffalatura.

Innanzitutto vediamo quali sono gli elementi di una scaffalatura. I due montanti collegati tra loro formano una spalla. Generalmente essi presentano fori su tutta l’altezza per permettere l’inserimento delle traverse o dei ripiani. La distanza tra 2 fori si chiama passo di aggancio. I due principali tipi di scaffalature sono :

  • Scaffalature senza ripiani: Utilizzate in magazzino, particolarmente adatte per lo stoccaggio manuale di carichi pesanti e voluminosi o per lo stoccaggio di carichi pallettizzati.
  • Scaffalature a ripiani: Rispondono a tutte le esigenze del settore industriale. I ripiani possono essere pieni, tubolari o a griglia, e possono essere rivestiti di pannelli in agglomerato.

La rigidità e la stabilità della scaffalatura possono essere rinforzate da traverse, tiranti o raccordi a croce. I laterali e i fondi in lamiera consentono anche di stabilizzare la scaffalatura creando degli spazi chiusi. I piedi possono essere in plastica (proteggono il pavimento dall’umidità ed evitano che la struttura scivoli) o in acciaio ( pensati per le scaffalature il cui carico è superiore a 350 kg).

In base al tipo di prodotto da immagazzinare è possibile individuare il supporto più adatto.

  • Ripiani pieni: Oggetti di piccole dimensione, cartoni, scatole di archiviazione, classificatori.
  • Ripiani tubolari: Oggetti di piccole dimensioni, cartoni, scatole di archiviazione, prodotti che necessitano di una buona areazione.
  • Ripiani a griglia: Prodotti liquidi pericolosi, prodotti che necessitano di una buona areazione
  • Spalle e ripiani: Contenitori in plastica, carichi pesanti e voluminosi.
  • Cantilever: Tubi, barre metalliche, pannelli in legno.

La scelta della rifinitura è determinata dall’ambiente in cui il prodotto deve essere utilizzato. Le principali due sono:

  • Rifinitura epossidica: Rivestimento verniciato, ideale per l’ufficio.
  • Rifinitura galvanizzata: Trattamento dell’acciaio che lo rende resistente alla corrosione, agli urti e ai graffi, ideale all’aperto, in ambienti umidi, in presenza di sporco o grasso.

Lascia un Commento

News