scritto da | on , | Nessun commento

Con un po’ di ritardo, ma su ciò siamo avvezzi, sta prendendo sempre più piede anche in Italia il Mobile payment (che tradotto in italiano sarebbe pagamento su dispositivi portatili), termine col quale si intende tutti quei “pagamenti o trasferimenti di denaro che avvengono mediante telefono cellulare”. Pertanto, elemento sostanziale è il proprio smartphone, utilizzato come strumento di pagamento. Del resto, il mondo della telefonia consente sempre più l’erogazione dei servizi differenti al fianco delle tradizionali funzioni del telefono. Vediamo di seguito come funziona il mobile payment.

Il mobile payment funziona secondo le seguenti modalità: addebito dell’importo della transazione su qualsiasi strumento di pagamento: si va dal semplice contante ai borsellini multimediali, i codici cifrati IP o IMel, escluso il credito telefonico;si può usare sia il wireless per comunicare (che sia la rete del telefono stesso, il GSM, UMTS, Bluetooth, RFID, e altri canali), sia il cellulare come strumento fisico per avviare il pagamento. In quest’ultimo caso, si pensi alla codificazione delle immagini sullo schermo per l’identificazione univoca dell’utente.

Vediamo ora quali sono i campi di applicazione di questa moderna forma di pagamento:

Pagamento tramite POS mobili, tramite la codifica di un codice per il pagamento definito QR-Code che viene mostrato sullo schermo del telefono del venditore. Questa soluzione è molto indicata per i piccoli esercenti, giacché abbatte drasticamente i costi che invece si riscontrerebbero col tradizionale POS (ormai sempre più obbligatorio anche in Italia);

Acquisto per corrispondenza mediante la codifica dei codici di pagamento QRcode su volantini cartacei, cartelloni pubblicitari, pagine web promozionali, POS virtuali per e-commerce, pubblicità mirata tramite email, riviste, trasmissioni televisive;

Pagamento di servizi locali in estrema comodità come biglietti per autobus, musei, eventi, parcheggi pubblici, sosta all’interno di strisce blu, parchi divertimento, colonnine per il bike sharing, ecc.

Lascia un Commento

News