fbpx

Powerbi & R

Negli ultimi anni, le potenti capacità di visualizzazione e previsione di R l’hanno fatto emergere come uno dei principali strumenti nel settore della Business Intelligence (BI) e dell’analisi. Questa popolarità ha portato Power BI ad aggiungere un’integrazione R.

Attualmente, esistono tre modi diversi per integrare R nei report Power BI: l’origine dati dello script R, lo strumento di pulizia dei dati e l’oggetto visivo R script. In questo articolo, esploreremo tutti e tre in modo da poter iniziare a utilizzare R nei report di Power BI.

Origine dati script R

Il primo modo per integrare R in Power BI è con l’origine dati dello script R. L’origine dati dello script R consente di caricare dati da qualsiasi origine dati, anche quelli che potrebbero non essere supportati da Power BI ma sono supportati da R.

Con l’origine dati dello script R, è possibile fare molto di più che semplicemente caricare i dati nel modello. È possibile anche usarlo per fondere più origini dati e creare colonne personalizzate basate sui calcoli degli script R.

Per importare i dati usando R, scrivi semplicemente lo script R nella finestra Execute R Script ed eseguilo. Come buona pratica, è sempre bene testare lo  script R in un programma come RStudio prima di essere sicuro che venga eseguito senza errori. Dopo aver testato lo script, è possibile inserirlo nella finestra Esegui script R e caricare i dati in Power BI.

Script R per la pulizia dei dati

Un secondo modo per integrare R nei report Power BI è con lo strumento di pulizia dei dati. Questa nuova funzionalità dà la possibilità di rimodellare i dati, eseguire potenti calcoli statistici disponibili in R e aggiungere nuove colonne al nostro set di dati.

Inoltre, è possibile usare R per assegnare un punteggio ai dati da utilizzare nei modelli predittivi. È possibile trovare la nuova funzione Esegui script R aprendo l’Editor di query, passando alla scheda Trasforma e facendo clic su Esegui script R all’estremità destra della barra multifunzione.

Una volta selezionata, verrà visualizzata una casella Esegui script R con il commento ‘#’ set di dati ‘contiene i dati di input per questo script.’ Ciò significa che tutti i dati del passaggio precedente sono ora contenuti nel nuovo frame di dati chiamato “dataset”, da cui è possibile accedere alle colonne in quel frame di dati utilizzando la sintassi “dataset $ ColumnName”. Utilizzando questo frame di dati, è possibile scrivere uno script R per pulire ed eseguire calcoli sui dati.

R script visivo

L’ultimo modo per incorporare R nei report di Power BI è con l’uso di elementi visivi di script R. I visual script R sono un ottimo modo per avere visualizzazioni e capacità predittive che non sono attualmente disponibili in Power BI.

Gli oggetti visivi R possono essere creati da qualsiasi origine dati e possono essere aggiunti al report con una sola riga di script. Una volta aggiunto un oggetto visivo R script all’area di disegno del report, un editor di script R verrà visualizzato nella parte inferiore dell’area di disegno. Man mano che si aggiungono dimensioni e misure all’immagine, viene creato un frame di dati chiamato ‘set di dati’ con le righe duplicate rimosse.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli collegati

PowerBI e knime

KNIME è una piattaforma di analisi dati, reportistica e integrazione. Ha anche al suo interno componenti di machine learning e data mining. La sua interfaccia

leggi

Grafico a cascata

L’andamento di una misura nel tempo può essere considerato anche come il succedersi di incrementi e decrementi che hanno portato a un risultato finale la

leggi

Misure addittive, semiadditive

Quando trasciniamo un campo di tipo numerico all’interno dell’area valori di una tabella pivot in Excel oppure all’interno di una visualizzazione di PowerBi in automatico

leggi