Archivio per la Categoria ‘Logistica e territorio’ Category

scritto da | on , | Nessun commento

“Logistica e necessità di creare sinergie sul tema: sono argomenti sempre più diffusi, ma sarebbe bene che dalle riflessioni si passasse ai fatti concreti, soprattutto quando le criticità da affrontare sono diverse e pressanti”. E’ quanto si legge in una nota della Filca Cisl Fvg. “Sul piatto – almeno per quanto riguarda l’Italia – c’è da mettere mano ad una serie di questioni chiave che attualmente frenano lo sviluppo dei piani infrastrutturali: l’alta contenziosità, per esempio, ma anche i passaggi autorizzativi abnormi (sull’Alta Velocità, infatti, la media nazionale è di 26 permessi contro i 2 francesi!), la chiusura agli investimenti privati, ma anche la scarsa capacità di dialogare con il territorio e le amministrazioni locali. Il quadro è emerso stamani a Trieste nel corso di una tavola rotonda promossa dalla Filca Cisl, a chiusura di una due giorni che ha visto nel capoluogo giuliano convergere una nutrita rappresentanza sindacale anche di Veneto e Trentino Alto Adige per un confronto aperto sui temi delle infrastrutture, ma anche dell’integrazione (ieri, infatti, si è svolto un incontro con gli esponenti di tutte le comunità religiose della città).
|| Continua a leggere

scritto da | on | Nessun commento

Il consigliere di Assologistica e AD di Argol Air Logistics, Carlo Mearelli, è stato eletto Presidente dell’IFWLA – The International Federation of Warehousing and Logistics Associations – la Federazione internazionale degli operatori dei magazzini e della logistica di livello mondiale che riunisce le associazioni settoriali rappresentative di 17 Stati. Lo si legge in una nota
“Un riconoscimento che giunge in concomitanza a due significativi traguardi per il nostro Paese”, ha sottolineato il neo Presidente Mearelli durante il suo discorso di investitura “I 150 anni di Unità nazionale e l’atto fondamentale di indirizzo, che tutti gli operatori economici del settore della logistica in c/terzi aspettavano da tempo, del nuovo Piano Generale della Logistica. Debbo dare atto al Governo, al Sottosegretario Giachino ed al suo staff di aver lavorato bene ed in tempi brevi, dotando anche il nostro Paese di un impianto credibile al passo con le esigenze internazionali”.

scritto da | on , | Nessun commento

Civitavecchia e il suo porto un connubio che ha permesso di valorizzare la città, il territorio e di sviluppare l’occupazione. Il sindaco di Civitavecchia Gianni Moscherini e il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola, hanno nei presentato un nuovo progetto relativo alla piattaforma logistica del porto di Civitavecchia e del Centro Italia. Il progetto interesserà 500 ettari nell’entroterra e 200 ettari nell’area marina, un’area dalla grande potenzialità attrattiva nonostante l’inadeguatezza delle infrastrutture, con radici socio-economiche e storiche. “Aggrediremo il mercato dei containers come abbiamo già fatto con quello delle crociere”, ha spiegato il sindaco di Civitavecchia.

Di sinergie sul territorio ha parlato il sindaco di Tarquinia: “Con Moscherini ci siamo capiti subito, osando rompere gli schemi delle appartenenze politiche per parlare una lingua comunque nell’interesse dei nostri territori, perché il porto non è solo Civitavecchia, ma è un’opera strategica che interesserà tutto il centro Italia”. In quanto alle cifre, gli amministratori di Civitavecchia e Tarquinia, hanno evidenziato prospettive di milioni di tonnellate merci, food e non-food, provenienti da mercati che vanno dalla Cina, all’india, al Brasile e non solo. “Quello che serve sono le infrastrutture. Non chiedere soldi alla Regione, ha affermato Moscherini – perché gli investitori li abbiamo già trovati. Quella che ci serve è la condivisione generale delle istituzioni, perché sia affermata l’idea che la Piattaforma Logistica Italia è utile al Paese e non solo al nostro territorio”. La regione Lazio si è detta pronta attraverso le parole di Antonio Paris, ad accogliere la proposta giudicando il progetto strategico: “proporremo alla governatrice Polverini e agli assessori la formazione di un gruppo di lavoro, al quale dovranno partecipare tutte le istituzioni interessate, per arrivare alla risoluzione di tutte le problematiche”.

scritto da | on | Nessun commento

Il Piano della logistica andrà al Cipe entro il mese di marzo. Lo ha annunciato venerdì il sottosegretario ai Trasporti, Bartolomeo Giachino, a un convegno promosso dalla Uil a Genova. “Nel piano”, ha detto Giachino, “ci sono tutte le azioni necessarie per tornare a far crescere di più il Paese. Insieme agli interventi inseriti nel decreto Milleproroghe, appena approvato, sarà il secondo patto strategico per rilanciare il Paese”.
Giachino ha evidenziato come “l’Italia, a causa della minore competitività della logistica, perda traffici diretti all’Italia pari a 4 miliardi di euro oltre ad almeno movimenti di merci per altri due-tre miliardi diretti ai Paesi del centro Europa che seguono altri percorsi”.
Il sottosegretario ha anche fatto un invito “a tutte le parti sociali, a partire da quelle del porto di Genova, a non fare scioperi e a non bloccare le attività in questo anno cruciale in cui si discute e si lavora per lo sviluppo”.

scritto da | on | Nessun commento

La Giunta della Regione Friuli Venezia Giulia ha approvato alcune delibere per il sostegno al trasporto intermodale ed alla logistica. Nel primo caso, la Regione FVG stanzia 1.200.804 euro per le imprese che intendono organizzare servizi di combinato strada-rotaia con origine e destinazione presso uno scalo ferroviario o centro intermodale situato in Friuli Venezia Giulia.

Autostrada viaggiante – Inter-Rail ha ricevuto 194.304 euro per la promozione e gestione servizio autostrada viaggiante tra Ludwigshafen ed il Polo logistico di Trieste Campo Marzio Rive, mentre Alpe Adria ha ottenuto 1.006.500 euro per l’organizzazione e la gestione operativa del servizio autostrada viaggiante sulla tratta Trieste-Salisburgo-Trieste.

Intermodalità – Una seconda delibera approva il piano di riparto dei contributi per interventi per lo sviluppo del trasporto combinato, a favore dei soggetti privati che operano nel settore dei trasporti, dei traffici e della movimentazione delle merci, con esclusione del conto proprio, aventi almeno una sede effettivamente operante in Friuli Venezia Giulia. In questo caso, i beneficiari sono Francesco Parisi, che riceve 300mila euro, e Codognotto, che ottiene 100mila euro. Tali contributi sostengono investimenti di 5.750.000 di euro.

Mare e rotaia – Una terza delibera prevede la concessione di aiuti alle imprese logistiche che intendono organizzare servizi di trasporto marittimo e ferroviario, sulle relazioni nazionali e internazionali che interagiscono sul territorio regionale e che interessano i poli logistici interni, portuali e di confine. Il testo approva contributi per un totale di 400 mila euro, così distribuiti: 236.940 euro alla Mar-Ter per l’organizzazione servizio ferroviario per il trasporto di cellulosa con partenza Monfalcone e destinazione Novara-Rovereto-Verona-Falconara-Lubiana (Slovenia); 63.060 euro ad Alpe Adria per l’organizzazione e la gestione del servizio ferroviario nelle tratte Trieste-Villaco, Trieste-Monaco, Trieste-Budapest.

Rotte adriatiche – La Regione Friuli Venezia Giulia ha anche stanziato contributi alle imprese logistiche che vogliono organizzare servizi di trasporto ferroviario intermodale e nuovi servizi di trasporto marittimo. Questi ultimi devono avvenire sulle rotte da e per i tre porti del Friuli Venezia Giulia, verso le altre destinazioni portuali del bacino Adriatico e Ionio, sia nazionali che comunitarie e internazionali, limitatamente alle direttrici marittime per le quali sia possibile anche il trasporto stradale. In questo caso, la somma stanziata è di 500mila euro, che va alla Tradax di San Giorgio di Nogaro per il servizio marittimo di trasporto di bramme fra il Porto di Trieste e Porto Nogaro (250 mila euro) e la Midolini di Udine per il servizio marittimo di trasporto di bramme tra il Porto di Monfalcone e Porto Nogaro 250 mila euro

scritto da | on | Nessun commento

La logistica al servizio della portualità italiana, con particolare riferimento anche alla Liguria. E’ il messaggio lanciato dal sottosegretario ai Trasporti, Bartolomeo Giachino, che ha presentato il Piano della Logistica: “Con le 51 azioni che abbiamo concordato con gli operatori di tutto il paese e con le Autorità portuali – ha detto Giachino -, vogliamo tagliare di 10 punti l’anno il costo dell’inefficienza logistica, per un valore di 4 miliardi di euro. Siamo convinti che, aumentando l’efficienza logistica del paese attrarremo più volumi di traffici merci ai nostri porti, che sono il punto centrale di questo piano”.
Nel piano, ha spiegato Giachino, “si parla 47 volte dei porti, proprio a dimostrare l’importanza che diamo a questo comparto. Nel documento diciamo che quello che va bene ai porti va bene al Paese. Ma, nel piano della logistica, diciamo una cosa molto importante per la crescita: mentre l’autonomia finanziaria dei porti è in discussione, tra Parlamento e Governo noi sottolineamo come, per gli scali strategici nel 2011 dovremo trovare risorse per farli crescere di più”.
Il piano, prima di essere presentato al ministro Matteoli, sarà limato con alcuni suggerimenti, non ultimi quelli della stessa Confindustria. “Questo piano serve al Paese – ha concluso Giachino -, lo aiuterà a crescere di più e mi aspetto da Genova, che in questo periodo ha aiutato molto con i suggerimenti di Autorità portuale, spedizionieri, terminalisti, parlamentari ed enti locali, un ulteriore contributo”.

Pagina 1 di 3123

News