Archivio per la Categoria ‘News’ Category

scritto da | on , | Nessun commento

Industria e Governo si confrontano a Parma sul futuro dell’agroalimentare made in Italy e il ruolo decisivo della logistica. Venerdì 20 novembre, alle 9.00, al Teatro Regio di Parma si terrà il convegno “Ripensare la logistica dell’agroalimentare. Complessa, costosa, inefficiente: l’urgenza di nuove soluzioni”, organizzato da Alfa, Agenzia Logistica Filiere Agroalimentari. Alfa rappresenta il primo progetto di gestione logistica avanzata di settore in Italia ed e’ stata tenuta a battesimo ufficialmente dal Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Luca Zaia che, in occasione della presentazione dello scorso maggio, l’ha definita un modello di riferimento da seguire. Non a caso Alfa, presieduta da Andrea Costa, nasce a Parma, città modello per la qualità della vita e soprattutto centro nevralgico per la produzione agroalimentare nazionale le cui eccellenze, come il Parmigiano Reggiano e il prosciutto di Parma, rappresentano il miglior made in Italy nel mondo. “Alfa e’ un progetto ambizioso,- afferma Andrea Costa, Presidente- ma assolutamente necessario. Le inefficienze dovute alla frammentazione della logistica si traducono in costi, danni per l’ambiente e in un generale ostacolo all’eccellenza dei prodotti, che deve derivare anche dall’eccellenza del sistema. Parma, come capitale del food, e’ la sede ideale per presidiare uno dei fattori che maggiormente possono condizionare la qualità dei prodotti alimentari, ovvero una movimentazione e distribuzione efficiente e altrettanto di qualità. A livello economico, inoltre, contando l’impatto sui costi, la logistica e’ oggi “la variabile critica a livello di imprese e di sistema. Il recupero di efficienza nella movimentazione e nella distribuzione delle merci, se perseguito a livello nazionale, potrebbe da solo costituire un volano per la ripresa, liberando risorse preziose oggi sprecate per mancanza di un’ “intelligenza logistica”. Infine la logistica come insieme di relazioni tra le aziende e il mondo esterno ha anche una grande influenza sull’ambiente e sulla vita delle persone’

scritto da | on , | Nessun commento

L’Autorità portuale di Savona-Vado è da anni impegnata a realizzare un programma di investimenti finalizzato non solo allo sviluppo delle attività portuali, ma anche di quelle retro portuali, con l’obiettivo di costruire un sistema che unendo porto, logistica e ferrovia, possa generare uno sviluppo stabile dell’economia locale.
In questa ottica sono stati realizzati importanti investimenti sia nel settore ferroviario sia nell’espansione delle aree retro portuali come le aree ex Fornicoke di Vado; con lo stesso scopo si è concretizzato l’ingresso dell’Autorità portuale di Savona-Vado nel capitale sociale dell’Interporto di Vado Ligure-Vio .
In questo contesto, la Fondazione Slala, incaricata dagli enti piemontesi e liguri di predisporre un masterplan di riferimento per lo sviluppo del sistema logistico del Nord-Ovest, ha inserito anche le aree ex Ip di Quiliano, di proprietà dell’ Eni e oggetto d’interesse dell’Autorità portuale di Savona-Vado fin dal 2002.
Dopo la sottoscrizione di un protocollo d’intesa nel marzo 2009 per l’attuazione di progetti legati alla retro portualità sui rispettivi territori, l’Autorità portuale ha iniziato con Eni le trattative, da poco terminate con esito positivo, per l’ acquisizione delle aree ex Ip.
Autorità portuale e Vio, quindi, hanno individuato l’opportunità di insediare su quelle aree attività logistiche e di distribuzione delle merci, legate alla presenza e al consolidamento in quel settore di Gf Group e di Nordiconad. Lo sviluppo di questo nuovo polo logistico si configura, da un lato, come complementare alle attività portuali nel comparto alimentare e dall’altro diventa inevitabilmente centro di attrazione per nuove attività legate anche ai clienti dellapiattaforma multipurpose di Vado.
L’operazione diventa così la dimostrazione che logistica e retro portualità non si devono identificare solo con lo stoccaggio dei container ma possono essere anche attività diverse, in grado di generare comunque un significativo impatto occupazionale, fattore importante sempre, ma soprattutto quando l’opportunità di assicurare posti di lavoro avviene in un contesto di crisi economica generale.
Per Vio si tratta di un grande impegno sia dal punto di vista finanziario, con investimenti previsti per 30 milioni di euro, sia per la realizzazione dell’ opera, considerando i tempi brevissimi richiesti per la costruzione del nuovo polo logistico che dovrà essere consegnato nell’ estate del 2011. La durata quasi ventennale del contratto assicurerà per contro una ricaduta economica ed occupazionale solida e di lungo periodo.

scritto da | on , | Nessun commento

”Una grande piattaforma logistica ed energetica che valorizzi le caratteristiche geografiche del territorio naturalmente proteso al centro del Mediterraneo e degli intensi flussi commerciali che lo attraversano”. È la fotografia del futuro del Mezzogiorno secondo i programmi del governo che il ministro dello Sviluppo Scajola illustra in occasione della posa della prima pietra delle Officine di manutenzione di Ntv, a Nola sottolineando che ”laddove si creano infrastrutture, si creano le condizioni per la crescita”. Rispetto al progetto Ntv (Nuovo trasporto viaggiatori) avviato oggi alla sua presenza, Scajola parla di ”una buona notizia” considerando che ”i 90 milioni di euro che saranno investiti per realizzare le officine di manutenzione Ntv avranno rilevanti ricadute positive per questo territorio, non soltanto durante la fase di cantiere”. Il progetto riguarda un insediamento privato che creerà occupazione quando le officine a regime daranno lavoro a 300 unità.

scritto da | on , | Nessun commento

“La logistica tra bisogni territoriali delle imprese e dimensione globale”: e’ il titolo del convegno in calendario per lunedì 26 ottobre a Bologna, a partire dalle 10 nella sede dell’Interporto, organizzato da Unindustria e Interporto, e che avrà come protagonisti Flavio Delbono, sindaco di Bologna; Alfredo Peri, assessore regionale alla Mobilita’; Angelo Alessandri, presidente commissione Ambiente, territorio, lavori pubblici della Camera; Cesare Trevisani, vicepresidente di Confindustria; Anna Maria Artoni, presidente di Confindustria Emilia Romagna; Maurizio Marchesini, presidente di Unindustria Bologna e Alessandro Ricci, presidente di Interporto Bologna.
Partendo da un’analisi delle prassi aziendali e dei fabbisogni delle imprese, Unindustria Bologna e Interporto Bologna promuovono, con questo convegno, una riflessione non solo sulle esigenze di sviluppo infrastrutturale del territorio, ma anche e soprattutto sull’offerta di servizi logistici attualmente disponibili, nonché sull’evoluzione necessaria alla modernizzazione ed alla riorganizzazione degli stessi.
Il convegno riprenderà nel primo pomeriggio con gli interventi di: Gian Maria Gros Pietro, presidente Federtrasporto; Mario Sebastiani, Universita’ di Tor Vergata Roma; Marco Spinedi, Consigliere Delegato Italia Mondo.

scritto da | on , | Nessun commento

Negli ultimi mesi il settore dell’autotrasporto e’ stato coinvolto da importanti regolamenti finalizzati a garantire la sicurezza del trasporto via strada. La scheda di trasporto rappresenta il documento essenziale per guidare gli operatori ad osservare le nuove regole e per favorire i controlli su strada da parte della polizia stradale.
Il Decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 153 del 4 luglio 2009 ha specificato il contenuto della scheda di trasporto, introducendo per gli attori della filiera una serie di nuovi obblighi che occorre osservare per eseguire un servizio nel rispetto della legge e per evitare di incorrere in attribuzioni di responsabilità.
L’Ailog ha pertanto organizzato il 13 ottobre un convegno con l’obiettivo di analizzare le varie problematiche che interessano la scheda di trasporto, con particolare riguardo alle prescrizioni normative entrate in vigore negli ultimi mesi, ponendo l’attenzione sulla documentazione necessaria nel panorama odierno per effettuare il trasporto di merci su strada, ovvero la scheda di trasporto e i cosiddetti documenti “equipollenti”.
Tramite il modello fornito dal Ministero, legali e manager esperti del settore hanno valutato  le soluzioni più corrette per compilare la scheda di trasporto, esaminando e spiegando nel dettaglio le indicazioni fornite dalle ultime circolari ministeriali. Inoltre sono state esaminate le sanzioni previste nel caso di mancato rispetto degli obblighi di legge.

scritto da | on | Nessun commento

La nuova legge sul trasporto pubblico locale varata oggi dalla Giunta regionale della Liguria istituisce anche una Agenzia regionale per la mobilità e la logistica (A.R.E.M.EL), con l’obiettivo di semplificare e ridefinire la gestione del servizio, attraverso la progressiva integrazione regionale del trasporto su gomma. Con questa legge la Regione intende assumere un ruolo strategico in campo trasportistico per orientare la programmazione provinciale relativa ai bacini di trasporto e la programmazione triennale dei servizi di trasporto pubblico. La nuova legge si propone di sviluppare sinergie tra i diversi modi di trasporto, evitare sovrapposizioni di servizio tra le aziende e offrire un servizio pubblico efficiente capace di soddisfare la domanda di trasporto dei cittadini L’Agenzia svolgerà anche attività in campo logistico, come supporto della Regione, nell’elaborazione del piano merci e della logistica e si occuperà di promuovere azioni di marketing territoriale per favorire lo sviluppo di piattaforme logistiche. Per favorire l’unicità della gestione del servizio di trasporto terrestre e marittimo (ad esclusione di quello ferroviario) la legge prevede che la programmazione triennale 2012-2014 riservi una percentuale pari almeno al cinque per cento delle risorse complessive, a favore di Enti che daranno il via libera all’unificazione dei servizi dei bacini provinciali per l’affidamento del servizio di trasporto pubblico.

Pagina 12 di 14« Prima...1011121314

News