Archivio per la Categoria ‘News’ Category

scritto da | on | Nessun commento

La nuova legge sul trasporto pubblico locale varata oggi dalla Giunta regionale della Liguria istituisce anche una Agenzia regionale per la mobilità e la logistica (A.R.E.M.EL), con l’obiettivo di semplificare e ridefinire la gestione del servizio, attraverso la progressiva integrazione regionale del trasporto su gomma. Con questa legge la Regione intende assumere un ruolo strategico in campo trasportistico per orientare la programmazione provinciale relativa ai bacini di trasporto e la programmazione triennale dei servizi di trasporto pubblico. La nuova legge si propone di sviluppare sinergie tra i diversi modi di trasporto, evitare sovrapposizioni di servizio tra le aziende e offrire un servizio pubblico efficiente capace di soddisfare la domanda di trasporto dei cittadini L’Agenzia svolgerà anche attività in campo logistico, come supporto della Regione, nell’elaborazione del piano merci e della logistica e si occuperà di promuovere azioni di marketing territoriale per favorire lo sviluppo di piattaforme logistiche. Per favorire l’unicità della gestione del servizio di trasporto terrestre e marittimo (ad esclusione di quello ferroviario) la legge prevede che la programmazione triennale 2012-2014 riservi una percentuale pari almeno al cinque per cento delle risorse complessive, a favore di Enti che daranno il via libera all’unificazione dei servizi dei bacini provinciali per l’affidamento del servizio di trasporto pubblico.

scritto da | on | Nessun commento

La confindustria del Friuli ha accolto in questi giorni una delazione di industriali russi in visita alle strutture logistiche della regione. Questa visita – ha dichiarato il vice-presidente Acerbi – costituisce per Informest un risultato e un riconoscimento a un tempo, entrambi molto significativi. Raccoglie, infatti, quanto seminato dalla partecipazione dell’intero sistema logistico regionale all’importantissima fiera TransRussia – vale la pena ricordare come lo stand FVG fosse l’unica
presenza italiana all’evento – e rafforza il ruolo di Informest quale coordinatore di forze e risorse nel fare sistema. Ad Aprile proprio Informest si occupò di tutti gli aspetti della missione a Mosca, e oggi, insieme a Confindustria e alla Regione, l’Agenzia ha curato l’agenda di questi potenziali interlocutori stranieri. Sono certa che questa sia la strada da perseguire: sono giornate come queste – dove domanda e offerta di grande livello si incontrano grazie alla collaborazione mirata dei principali esponenti dell’economia del nostro territorio – che contribuiscono a creare spunti di futuro sviluppo’. Dalle parole dei rappresentanti delle otto aziende russe  e’ emerso il grande interesse ad intensificare i rapporti con l’Italia, alla stregua di quanto gia’ succede con altre nazioni dell’Europa Occidentale, Germania in primis.

scritto da | on , | Nessun commento

Dopo l’importante incontro tenutosi nei giorni scorsi sull’ipotesi di una piattaforma logistica in Irpinia, Rocco Cirino, segretario Provinciale della Fai (Federazione Autotrasportatori Italiani di Avellino) ha espresso parere favorevole all’iniziativa.
La Provincia di Avellino, con l’attivazione del tavolo per lo sviluppo, intende accelerare le procedure programmatiche di sviluppo su cui orientare i fondi comunitari 2007-2013. Qual è la valutazione che dà la Fai-Conftrasporto all’iniziativa?

“La nostra valutazione è più che positiva. Finalmente, dopo anni di visione approssimata dello sviluppo nella nostra Provincia, ci si avvia verso un percorso di priorità strategica della spesa, nell’ottica di garantire la crescita in ambito produttivo e, contestualmente, sviluppare tutte quelle peculiarità dei nostri territori che garantiranno l’incremento economico di questi ultimi.” – prosegue il segretario Provinciale della Fai  “fatte salve alcune valutazioni campanilistiche e di parte, la maggioranza degli intervenuti al tavolo di programmazione  ritengono fondamentale intervenire sulle infrastrutture, puntando naturalmente sullo sviluppo della logistica e dell’intermodalità. Se si deve ragionare su di un progetto forte, che sia strategico per tutta la Provincia, ma anche attrattore di maggiore punteggi per l’ottenimento di quante più risorse possibili, allora l’opera non può che essere una piattaforma logistica interconessa con il sistema viario e produttivo che ci consente, inoltre, di rendere il nostro territorio cruciale in un’ottica sovra-regionale, divenendo asse portante del “corridoio 8” –Tirreno-Adriatico”.
L’assessore De Mita nei giorni scorsi ha lanciato l’allarme: per Avellino diventa a rischio l’Alta Velocità. In questo caso l’idea della piattaforma logistica senza l’Alta Capacità non è un azzardo?
“Finalmente entriamo nel tecnico! Iniziamo col dire che parlare di piattaforma logistica non significa parlare di un’area dove si movimentano pacchi e pacchetti, ma è una struttura complessa di stoccaggio e movimentazione delle merci. Essa è collocata a monte dei terminali portuali ed è connessa con il sistema viario locale, integrata con un sistema intermodale. Integrata non significa che se al momento vi sono dei dubbi strategici sull’attraversamento dell’Alta Velocità in Irpinia, l’opera della piattaforma logistica debba essere messa in discussione. Nella fase di allocazione se ne prevede il collegamento ma, nel contempo, si crea l’operatività della piattaforma, sviluppando intanto il sistema trasportistico su gomma e supportando le esigenze logistiche delle attività produttive. La logistica, che è una scienza complessa, comprende la distribuzione in ambito locale, gli impianti di stoccaggio, le tecnologie di imballaggio e tutte quelle tecnologie che consentono di ridurre l’impatto ambientale come la “distribuzione con veicolo eco-compatibile” a servizio delle varie filiere di produzione. La connessione intermodale integra tale piattaforma, consentendo di scegliere la modalità “ferro” nei percorsi di media e lunga distanza, mentre l’ultimo miglio, sempre ed in ogni caso, sarà percorso da un autotrasportatore. Era doverosa questa spiegazione per far comprendere che la logistica non è solo un mero supporto all’industria pesante, ma è di supporto a tutti quei processi peculiari dei nostri territori quali il turismo e le produzioni agricolo-vitivinicole. Senza questa scienza che consente di ridurre i costi, si condannano tutte le nostre imprese alla non competitività. Alla fine di quest’analisi appare evidente che la piattaforma logistica è il volano di uno sviluppo infrastrutturale eco-compatibile per le esigenze ambientali della Provincia di Avellino”.

scritto da | on | Nessun commento

Gli interporti italiani come prospettiva di investimento: sul know how logistico e sullo sviluppo dell’intermodalità. Lo ha detto ieri Nicola Paradiso, marketing manager dell’interporto di Parma, al roadshow “Investment Day in Japan” di Tokyo, dove Cepim è stato chiamato a rappresentare la realtà interportuale italiana. L’intervento era inserito in uno dei due focus – su energie rinnovabili e logistica – in programma nella giornata conclusiva dell’evento.
«Gli interporti italiani – ha spiegato Paradiso – sono infrastrutture complesse che hanno registrato negli ultimi anni un notevole incremento, non soltanto fisico, con l’aumento degli spazi dedicati a magazzini e intermodalità, ma soprattutto di tipo economico, per la quantità di merce movimentata ed il fatturato, ed occupazionale». Sono stati 400 i partecipanti internazionali accreditati al workshop, organizzato da Invitalia e Bank of Tokyo-Mitsubishi UFJ nell’ambito del programma “Italia in Giappone 2009”. «Iniziative come questa – ha detto il presidente di Cepim Johann Marzani – sono un canale per consolidare nuove relazioni economiche e la promozione all’estero della cultura logistica interportuale italiana». Opportunità che vanno colte, ha aggiunto l’ad Luigi Capitani «e poi trasformare in termini concreti, sul campo».

scritto da | on , | Nessun commento

La Commissione Trasporti del Comune di Cosenza ha espresso parere favorevole per il progetto ‘Cosenza merci-city logistic’, promosso e illustrato questa mattina dall’assessore Agostino Conforti. Si tratta di un progetto che intende creare una piattaforma logistica nell’area di Vagliolise per la distribuzione urbana delle merci, ”con molteplici obiettivi tra cui garantire la crescita economica dell’area urbana, l’incremento del traffico merci su rotaia, i livelli occupazionali del settore” riporta una nota.
E’ stato costituito un gruppo di lavoro che seguira’ in maniera costante l’attuazione del progetto. Ne fanno parte la Dirigente comunale del Settore Trasporti Filomena Redavide, Piero Mendicino per la Camera di Commercio, Giovanni Ventre per la ConfCooperative, l’ingegnere Claudio Carravetta per la Provincia di Cosenza, Antonio Sarri per la ConfArtigianato, Pierluigi Airano ed Ermanno Aquino per le organizzazioni sindacali.

scritto da | on , | Nessun commento

All’ordine del giorno del prossimo riunione del Cipe c’è la discussione della piattaforma logistica di Trieste.. Si tratta di un’operazione complessiva di circa 279 milioni di euro, a fronte di una quota di 81 milioni di euro già a disposizione  dell’Autorità portuale di Trieste. Con una precisa garanzia da parte del Cipe sulle risorse assegnate alla Piattaforma logistica di Trieste potrebbero così partire i lavori dei primi cantieri, in sinergia dunque con quelli relativi alle opere di bonifica e di ripristino ambientale previste dall’Accordo di programma sul sito di interesse nazionale di Trieste, “un intervento finanziariamente strategico per la città e per il suo sviluppo economico ma ‘fermo’ ormai dal 2001′, ha sottolineato l’assessore Savino al ministro Matteoli. “

News