Archivio per la Categoria ‘Pratica’ Category

scritto da | on , , | Nessun commento

Come abbiamo visto in differenti post esistono diversi indicatori per misurare le performance logistiche, ma per una maggiore chiarezza e comprensibilità è possibile raggrupparli in macro indicatori. Possiamo considerare le attività logistiche come la pianificazione e la gestione di soste e trasferimenti di materiali tra i nodi della rete logistica con lo scopo di creare valore per il cliente e con il vincolo delle risorse disponibili.  Ad esempio trasferire la merce dal magazzino centrale al punto vendita è un trasferimento che crea valore per il cliente in quanto può acquistare comodamente il prodotto desiderato nel negozio sotto casa, allo stesso modo far sostare la merce nel punto vendita crea valore per il cliente in quanto quando vuole acquistare il prodotto non deve attendere perché il prodotto è già disponibile, viceversa se il cliente è disposto ad aspettare alcuni giorni per ricevere il prodotto allora quella sosta non genera valore. Trasferire e far sostare la merce in un nodo della rete consuma delle risorse (camion, ore uomo magazzinieri, spazio fisico e così via) che generano dei costi. || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

La puntualità di consegna è un KPI molto importante in quanto rappresenta uno degli elementi fondamentali del livello di servizio offerto al cliente. Calcolare la puntualità non è così agevole come sembra infatti esistono diverse insidie nel suo calcolo. Per prima cosa consideriamo l’indice di puntualità di consegna verso il cliente come il totale delle righe d’ordine consegnate puntuali sul totale delle righe consegnate in un intervallo di tempo. Per prima cosa devo definire quando una riga è considerata consegnata puntuale, per fare questo devo calcolare la differenza tra la data di spedizioni e la data di consegna prevista se la differenza è negativa o uguale a zero considero la riga puntuale, se è maggiore di zero devo considerare eventuali giorni di tolleranza ovvero in alcuni settori potrebbe essere tollerato che la consegna venga sforata di ½ giorni pertanto fino a due giorni posso considerare la consegna puntuale differentemente se non c’è tolleranza differenza positiva genera una consegna non puntuale. || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

In tempi di crisi avere liquidità è come avere acqua nel deserto, una risorsa preziosa che non andrebbe sprecata. Quando le banche facevano ancora le banche per avere la liquidità necessaria potevano richiedere l’aumento del fido o portare a scontare le nostre fatture, ora queste possibilità diventano sempre più un miraggio. In realtà nella nostra azienda abbiamo della liquidità, del denaro che potremmo utilizzare ma si trova sotto forma di scorte, di scatole e di pallet depositati nel nostro magazzino. || Continua a leggere

scritto da | on , , | 2 commenti

Nella realizzazione di un progetto e-commerce è necessario prevedere un collegamento tra gestionale e software CMS per la gestione del commercio elettronico. Anche nel caso in cui l’attività di commercio elettronico sia l’unico canale di vendita è bene affiancare un gestionale, in quanto i sistemi CMS non consentono di gestire in maniera ottimale tutte le attività di gestione aziendale. In tutti questi casi è necessario prevedere un collegamento tra i due sistemi in modo da mantenerli sincronizzati. Per creare un collegamento tra i due sistemi si può seguire la seguente procedura: || Continua a leggere

scritto da | on , | Nessun commento

È importante per una azienda che detiene un magazzino che i costi relativi alla sua gestione siano tenuti sotto controllo, in quanto influenzano la gestione delle scorte e le loro politiche di approvvigionamento (ad esempio nel calcolo del lotto economico si tiene conto dei costi di gestione e detenzione delle scorte in un magazzino). || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

In molti forum mi sono imbattuto in domande del tipo chi mi consiglia un buon programma per la gestione del magazzino ? possibilmente gratuito. Rispondere a questa domanda non sempre è facile ed innanzitutto è necessario dire che programmi puramente gratuiti non esistono in quanto anche per i programmi open source che non prevedono costi di licenza, esistono altri costi legati al tempo necessario per far funzionare il programma secondo le proprie necessità ed il tempo necessario a formare il personale di magazzino sull’utilizzo del programma, questi costi non li vediamo immediatamente perché non c’è denaro che esce dalla nostra azienda ma esistono comunque. || Continua a leggere

News