Archivio per la Categoria ‘Pratica’ Category

scritto da | on , , | Nessun commento

All’interno di un piano logistico per la gestione di un ecommerce grande rilievo ha il budget delle spedizioni in quanto ci permette di determinare il volume delle spedizioni e di conseguenza il costo di trasporto. Il budget delle spedizioni deriva dalle informazioni relative alle previsioni di vendita, alle informazioni relative alla posizione dei clienti, alla posizione dei magazzini ad alle politiche di gestione delle scorte. || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

Un ristorante, un ecommerce di prodotti alimentari, un piccolo laboratorio artigianale di pasta, nella gestione delle scorte devono tener conto che gestiscono dei prodotti deperibili, ovvero prodotti che dopo un breve tempo perdono utilità economica in quanto non più adatti ad essere consumati, è necessario quindi che il loro indice di rotazione sia più basso della loro vita utile diversamente si generebbero delle perdite pari al costo di acquisto del prodotto in quanto non più vendibile, inoltre bisogna considerare i costi necessari al loro smaltimento. || Continua a leggere

HACCP e Magazzino

Mar
2013
08

scritto da | on , | 1 commento

Il sistema HACCP è un sistema di autocontrollo per limitare i rischi relativi ai prodotti alimentari per i consumatori. All’interno del manuale è necessario dedicare una parte alla gestione del magazzino. Vediamo quindi alcuni elementi che dovrebbero essere presenti nel manuale.

Idonea pulizia delle corsie di stoccaggio: non stoccare prodotti potenzialmente appetibili per infestanti vicino a entrate, porte, bagni.

Idonea manutenzione delle attrezzature: sia le scaffalature, che devono essere in materiale lavabile e facilmente sanificabile, sufficientemente alte da terra in modo da poter essere pulite al di sotto e da poter essere ispezionabili, sia tutti i macchinari adibiti all’ utilizzo quali carrelli.

Idonea manutenzione dei pavimenti e soffitti:  controllo visivo ogni 15-20 gg di conformità, assenza di controsoffitto o se presente in vecchi magazzini attuare un idoneo piano di pulizia, tappare falle e buchi nel muro e nel pavimento con cemento o resine autorizzate all’uso nelle aziende alimentari.

Gestione della merce danneggiata scaduta o non conforme: indicare i metodi di ritiro del prodotto o di restituzione dello stesso.

Controllo della merce in entrata: Indicare il controllo della merce in entrata: Solamente nel caso che l merce non sia conforme, essa andrà segnata sul modulo di gestione delle N.C.

Prodotti usati per la pulizia: Devono essere conforme ai principi dell’HACCP, e di ogni prodotto usato deve essere resa disponibile nel manuale la scheda tecnica del prodotto e la scheda di sicurezza.

Manutenzione attrezzature: Indicare la periodicità con cui si fa la manutenzione di macchinari, scaffalature e così via.

Controllo temperature: Nel caso lo stoccaggio sia breve all’interno del magazzino o nel caso di prodotti alimentari non deperibili  non si rende necessario il controllo delle temperature.

scritto da | on , | Nessun commento

Il 24 Ottobre dello scorso anno è entrata in vigore la nuova regolamentazione sulla cessione dei prodotti agricoli e alimentari  che impone la forma scritta per il contratto di vendita, stabilisce i termini certi di pagamento, prevede l’applicazione di sanzioni e, soprattutto, il divieto di pratiche commerciali sleali. La norma riguarda i contratti di cessione di prodotti agricoli e alimentari e stabilisce termini di pagamento, di 30 giorni per le merci deteriorabili e di 60 giorni per tutte le altre, termini inderogabili che decorrono dall’ultimo giorno del mese di ricevimento della fattura relativa. || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

Da gennaio 2011 è stato approvato il codice dell’amministrazione digitale che introduce la “firma elettronica avanzata” ovvero una firma elettronica con alcune caratteristiche di sicurezza. Il codice la definisce come “un insieme di dati in forma elettronica allegati oppure connessi a un documento informatico che consentono l’identificazione del firmatario del documento e garantiscono la connessione univoca al firmatario, creati con mezzi sui quali il firmatario può conservare un controllo esclusivo, collegati ai dati ai quali detta firma si riferisce in modo da consentire di rilevare se i dati stessi siano stati successivamente modificati”. Non si richiede né il certificato né il dispositivo sicuro per la creazione della firma. In determinati contesti, le cui caratteristiche complessive vanno attentamente esaminate, può trattarsi per esempio della One Time Password utilizzata da alcune banche, o della firma biometrica o della firma autografa apposta su tablet. || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

Scarica la guida per informatizzare il tuo negozio e guadagnare di più

In questo articolo vediamo una semplice procedura per gestire l’approvvigionamento delle scorte per punto vendita al dettaglio. Il requisito di base per applicare questa procedura è l’esistenza un sistema informativo anche elementare che permetta di registrare le QT in entrata tramite il DDT del fornitore e le QT in uscita tramite le vendite alla cassa. Ci sono tantissimi programma gratuiti che svolgono egregiamente questa funzione e non richiedono grosse competenze per essere installati ed utilizzati. || Continua a leggere

Pagina 30 di 77« Prima...1020...2829303132...405060...Ultima »

News