Archivio per la Categoria ‘Settori produttivi’ Category

Un PC nel negozio

set
2016
07

scritto da | on , | Nessun commento

selezione

Un negozio è il punto terminale di una catena di fornitura che spesso parte da paesi lontani e che prevede un intenso scambio di informazioni, ecco perché non può mancare all’interno di un punto vendita un computer che consenta di connettere il negozio con la grande rete sia di fornitori che di clienti.

QR code in negozio

Il negozio del futuro

Aumentare i clienti con il QR code

Ristorazione

ago
2016
30

scritto da | on | Nessun commento

selezione

Avviare un’attività di ristorazione può sembrare facile ma tra cucinare e gestire un’attività di ristorazione c’è una bella differenza. Vediamo in questi articoli come un sistema informativo e una corretta gestione logistica possa essere d’aiuto per la gestione di un attività di ristorazione.

I trend della ristorazione

Aumentare i clienti del ristorante durante la settimana

Aprire un’attività di ristorazione a roma

Istruzioni operative per un ristorante

scritto da | on , | Nessun commento

SalaRistorante

L’attività di ristorazione è una attività soggetta a normative, nel caso della ristorazione anche a livello locale, infatti oltre alla legge regionale nel comune di Roma l’apertura di un bar o ristorante è soggetto alla delibera consiliare n 35 16.03.2010. Tra i vari elementi della normativa ci soffermiamo su i criteri di qualità che concorrono a determinare il punteggio minimo per poter aprire una attività di ristorazione. Il valore del punteggio varia in base alla zona di Roma in cui è ubicata l’attività. Ovviamente oltre ai criteri di qualità sono necessari dei requisiti strutturali come la superficie minima del locale dove avviene la manipolazione degli alimenti. || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

SalaRistorante

Quasi tutti i ristoratori si lamentano che lavorano poco durante la settimana e sono preoccupati per questa situazione, soprattutto nella media e bassa stagione. È indubbio che da quando si sono chiusi i “rubinetti del credito incondizionato“, che hanno caratterizzato gli anni dal 2002 al 2008, circolano molti meno soldi e le persone, che prima erano solite andare a mangiar fuori 3 o 4 volte alla settimana in media, oggi arrivano a stento a 1 o massimo 2 volte. Ecco 3 consigli su come avere più clienti nel ristorante durante la settimana. || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

Il concetto di menù programmato implica l’applicazione di una tecnica globale allo schema di ristorazione classico. Organizzare dei menù pianificati significa progettare per una settimana, due settimana, tre mesi, un anno, una serie completa di menù della giornata, eliminando totalmente la gran carta ed ogni possibilità di variante.

I primi esempi di menù programmati sono reperibili nel settore ospedaliero e nella ristorazione collettiva; non mancano tuttavia esempi anche nella ristorazione commerciale. Per un albergo al mare, ad esempio, può risultare ottima la programmazione con un ciclo di trenta giorni, media – massima di soggiorno. Si compilano trenta menù diversi, uno per ciascun giorno, che possono essere ricomposti con opportune variazioni nella programmazione del mese successivo. || Continua a leggere

Food Cost

nov
2015
20

scritto da | on , , | Nessun commento

RistoranteBiologico

Nel momento di aprire una nuova attività nel settore della ristorazione, o di rivedere i menù per adeguarli al cambio delle stagioni e al variare dei gusti e delle tendenze, è indispensabile analizzare tutte le componenti del costo di un piatto, per poter avere un quadro chiaro di quali saranno i possibili guadagni e le spese da sostenere.

Le voci da tenere presente in questa valutazione sono prevalentemente il costo della materia prima, il costo della manodopera, e una percentuale di spese accessorie generali. Si stima che nel caso di un ristoratore alberghiero, le spese di manodopera siano certamente quelle che incidono maggiormente, per una percentuale che si aggira attorno al 40%. Le spese per le materie prime, pur essendo le più variabili, si attestano sul 35%, e si potranno considerare attorno al 10% le spese generali. || Continua a leggere

Pagina 1 di 3123

News