Archivio per la Categoria ‘supply chain management’ Category

scritto da | on , , | Nessun commento

Poiché la progettazione della supply chain non è una attività frequente, molte persone non hanno familiarità esso. Ma, quando è fatto bene, il potenziale risparmio di costi è enorme. Vediamo quali sono i 7 fattori per creare una supply chain solida.
Posizione e la distanza: c’è bisogno di questo dati per definire la struttura di base della supply chain. Località comprende clienti, fornitori, magazzino, impianti di produzione, porti, aeroporti e così via. È possibile utilizzare il codice postale o coordinate GPS per trovare una posizione. Per trovare la distanza tra ciascun punto della rete, può seguire la linea retta o il profilo della strada attuale. Ma, quale approccio è più appropriato? || Continua a leggere

Archetipi sistemici

mar
2017
23

scritto da | on , , | Nessun commento

Gli archetipi sistemici sono paradigmi, modelli mentali, schemi di riferimento che   possono   essere   utilizzati   per   interpretare   i   fenomeni   dinamici   che   emergono   dall’osservazione della realtà. Gli  archetipi  sistemici,  evidenziando  il  collegamento  tra  interventi  e  risultati  degli  interventi  in chiave sistemica, sono finalizzati a spiegare il motivo per cui spesso i sistemi generino un effetto  contro  intuitivo  tra  azione  esercitata  su un  sistema  e  risposta  del  sistema;  in  altre parole,  gli  archetipi  sistemici  aiutano  a  capire  perché  a  volte  le  azioni  dei  decisori  risultino  inefficaci  e  suggeriscono  azioni  alternative  che,  ancorate  all’interpretazione  sistemica  della  struttura del problema, siano efficaci nel raggiungere gli obiettivi prefissati.  || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

La formazione rimane elemento essenziale per un organizzazione che punta a superare questa crisi che sta cambiando il paradigma economico e sociale. Oggi più che mai, in considerazione della velocità con cui le cose cambiano, dei continui mutamenti dei contesti sociali, delle modalità relazionali, è chiesto di essere pronti per dare risposte adeguate e al passo con i tempi. || Continua a leggere

scritto da | on , | Nessun commento

Era il settembre del 2008, e nell’elaborare i report mensili per l’azienda per cui lavoravo all’epoca vidi tutti gli indicatori colare a picco. Era l’inizio della crisi che tuttora stiamo vivendo, di li a poco ci sarebbe stato il fallimento della Lehman Brothers evento da cui si fa iniziare tutto un po’ come il crollo dell’impero romano o la scoperta dell’America.

Una crisi che però è molto profonda e strutturale, un vecchio paradigma sta collassando ed uno nuovo sta emergendo, ma il passaggio ovviamente non è facile. C’è la necessità di una nuova visione delle cose. Quale è il nuovo paradigma? Lo chiamano con molti nomi, economia della condivisione, economia circolare, economia della felicità, quarta rivoluzione industriale, ma di fatto ci si riferisce ad una visione che ha al centro l’uomo, la comunità e l’ambiente. || Continua a leggere

Pensiero visuale

dic
2016
22

scritto da | on | Nessun commento

Il pensiero visuale è un metodo di insegnamento facilitato dalle immagini e documentato in modo da avere un effetto positivo a cascata su entrambi i docenti e gli studenti. È forse il modo più semplice in cui gli insegnanti e le scuole possono fornire agli studenti comportamenti chiave richiesti dalla norme fondamentali comuni: capacità di pensiero che diventano abituali e trasferire da lezione per lezione. || Continua a leggere

La stella danzante

dic
2016
17

scritto da | on , | Nessun commento

Affrontare il contesto attuale fatto di volatilità, incertezza, complessità ed ambiguità non è certo facile. Sicuramente comprendere ad accettarne le sue coordinate è già un primo passo, bisogna poi attrezzarsi per affrontarlo, sia come singoli che come organizzazioni.

Le organizzazioni hanno creato nel tempo metodi e strumenti per contrastare queste criticità: flessibilità per imbrigliare la volatilità, data analitycs per contrastare l’incertezza, approccio sistemico per governare la complessità. Ma l’ambiguità si ostina a non essere controllabile, riducibile. Anzi crea disagio e ricompare dove meno la si aspetta. Ma è un dato di sistema e, se ben intesa, è fonte di ricchezza informativa. Ma gestire, anzi alimentarsi, di ambiguità non è più un tema di strumenti e metodi: è un tema di mentalità e attitudine. || Continua a leggere

Pagina 1 di 2412345...1020...Ultima »

News