Articoli Taggati ‘Concessionaria auto’

scritto da | on | Nessun commento

All’interno di una concessionaria possiamo individuare sostanzialmente tre aree strategiche d’affari che possono presentare differenti esigenze dal punto di vista logistica: Vendita nuovo, Vendita usato ed officina meccanica. Per quanto riguarda la gestione del magazzino, il magazzino principale è dedicato alla gestione dei materiale di ricambio per la gestione delle attività dell’officina, invece per quanto riguarda la vendita del nuovo e dell’usato non c’è da gestire un magazzino ma lo spazio per “stoccare” le auto in esposizione per le macchine nuove e per la gestione delle auto usate.

La concessionaria di auto rappresenta l’ultimo anello di una catena logistica molto articolata il cui processo ha inizio con l’uscita dei veicoli dalla linea produttiva presso lo stabilimento di assemblaggio. Dai confini dello stabilimento, le vetture vengono spostate dal personale incaricato del produttore di autoveicoli presso l’area di spedizione. la seconda fase riguarda il carico degli autoveicoli sui mezzi di trasporto che si occuperanno del trasporto primario, ovvero fino ai compound o fino ai porti di esportazione. In alcuni casi, è possibile che il carico dei veicoli marcianti all’esterno delle fabbriche sia destinato ai concessionari, attraverso consegne dirette. Tale soluzione viene necessariamente effettuata su gomma attraverso automezzi, si tratta di veicoli industriali speciali dotati di un apposito pianale a due livelli con corsie e alloggiamenti per accogliere i veicoli, che vengono caricati “guidando” il veicolo nel pianale. I due livelli sono separati da montanti idraulici o pneumatici, che consentono l’abbassamento del livello superiore per il carico e poi la successiva estensione per caricare il livello inferiore. I pianali di carico sono dotati di fermi per le ruote e di cinghie per la messa in sicurezza di ciascun autoveicolo caricato.

Di fondamentale importanza risulta la gestione del magazzino ricambi per l’officina per il quale viene richiesto l’utilizzo di modello matematico di gestione delle scorte per via dei numerosi codici gestiti, dei diversi fornitori da cui provengono i componenti e per via della variabilità della domanda, inoltre lo stoccaggio e la movimentazione possono trarre utile beneficio dall’utilizzo di un magazzino automatico. L’utilizzo della radiofrequenza può essere facilmente utilizzato grazie alla codifica dei prodotti.

News