Articoli Taggati ‘CPFR’

CPFR

nov
2009
26

scritto da | on , | Nessun commento

Il flusso dei materiali e delle informazioni attraversa l’impresa ma passa anche attraverso altre imprese, in modo particolare nelle supply chain. L’EDI e l’e-commerce tentano di ridurre le discontinuità nel flusso delle informazioni tra diversi sistemi, ma è possibile ridurre ulteriormente le discontinuità attraverso il CPFR (Collaborative Planning, Forecasting, and Replenishment) ovvero lo scambio di consuntivi e stime di vendita tra i partner di un’impresa commerciale. Per implementare questi scambi di informazioni si utilizza molto spesso la rete internet. Il software CPFR rielabora i dati in possesso e permette di mettere in allerta nel caso che rilevasse alcune eccezioni alle regole precedentemente stabilite. La realizzazione di questi scambi richiede la definizione di standard e linee guide che sono definite dalla Voluntary Interindustry Commerce Standards (VICS) Association che sono consultabili sul sito dell’associazione. Il CPFR richiede una stretta collaborazione tra le imprese della filiera ed un sistema informativo efficiente, inoltre si pone come base per la sincronizzazione dei processi all’interno della supply chain. A fronte di questi costi, i benefici dell’implementazione del CPFR sono notevoli e riguardano la riduzione delle scorte, una maggiore rapidità di risposta alle variazioni del mercato, una riduzione degli sprechi.

ALLEGATI

CPFR03
Titolo: CPFR03 (0 click)
Etichetta:
Filename: cpfr03.pdf
Dimensione: 209 kB
CPFR02
Titolo: CPFR02 (0 click)
Etichetta:
Filename: cpfr02.pdf
Dimensione: 257 kB
CPFR01
Titolo: CPFR01 (0 click)
Etichetta:
Filename: cpfr01.pdf
Dimensione: 36 kB

News