Articoli Taggati ‘falegnameria’

scritto da | on , | Nessun commento

Consideriamo il caso di un laboratorio di falegnameria che realizza arredo per la casa in un laboratorio con annesso magazzino per lo stoccaggio dei materiali. L’azienda lavora principalmente per commessa anche se realizza dei semilavorati che stocca in magazzino per velocizzare le operazioni di realizzazione delle commesse. Il sistema di identificazione deve consentire di identificare le materie prime ed i semilavorati necessari alla realizzazione della commessa. Il magazzino può essere diviso in tre parti: una area dedicata allo stoccaggio del legno, una zona per la conservazione delle altre materie prime (Vernici, colle, viti ecc) ed infine una zona dedicata alla conservazione degli utensili. Per la zona dedicata allo stoccaggio del legname è opportuno utilizzare scaffalature cantilever che si adatta particolarmente allo stoccaggio di carichi lunghi ed oggetti ingombranti. Questo sistema di magazzinaggio consiste in bracci orizzontali fissati a sostegni verticali. Per quanto pesante possa essere il carico, il braccio fissato resta mobile e flessibile e si sposta nel caso di un impatto con merci o carrelli elevatori, evitando così che il braccio o la merce vengano danneggiati. I sostegni dei bracci hanno un passo di aggancio ogni 100 mm e possono così adeguarsi alle esigenze del Suo magazzino; inoltre per la regolazione dei bracci non è necessario l’impiego di alcun attrezzo. Il cantilever può essere utilizzato sia monofronte che bifronte: sono possibili molte variazioni.

Sempre per l’area legno sono opportune anche delle rastrelliere o delle scaffalature per stoccaggio verticale di pannelli. Per l’area materie prime è opportuno utilizzare delle normali scaffalature e delle cassettiere per riporre la minuteria, infine per l’area stoccaggio utensili è opportuno utilizzare scaffalature ed armadi.  È bene mantenere le tre aree separate con tre accessi verso la zona dedicata alla produzione ed un accesso per lo scarico delle merci in entrata. La merce sarà codificata utilizzando il codice del fornitore per quanto riguarda le materie prime, mentre per il legno verrà apposta una etichetta con il codice dell’azienda, è bene prevedere una zona cuscinetto tra la produzione ed il magazzino utile alla preparazione del materiale necessario per la realizzazione della commessa. Nella zona produzione è bene prevedere un piccolo magazzino di reparto su scaffalatura per riporre il materiale di consumo comune alle varie commesse. Per le materie prime e ed il legno il prelievo avviene a seguito di un ordine di produzione e se è prevista un lettore di codice a barre il materiale viene scaricato nel momento in cui viene prelevato.

News