Articoli Taggati ‘finanza’

scritto da | on , , | Nessun commento

Questo articolo è a cura di Giovanni Moccia, esperto di finanziamenti alle imprese

Negli ultimi anni, direi per fortuna, si parla sempre di più di sostenibilità e di sviluppo sostenibile, intravedendo nel concetto non solo un’accezione etica ma anche un’opportunità di sviluppo molto importante per i territori.

Ma che cos’è sostenibilità?  La sostenibilità è un modello di vita che punta a preservare le risorse attuali per le generazioni future, sia ambientali che non, affinché possano essere utilizzate anche in futuro allo stesso modo di quella attuale. La sostenibilità, dunque, è  sì ambientale ma anche economica e sociale (parliamo di fonti rinnovabili e materiali ecocompatibili ma anche di finanza etica, di responsabilità sociale delle imprese, di turismo sostenibile, agricoltura sostenibile, consumo sostenibile, moda sostenibile  e altro ancora). || Continua a leggere

scritto da | on , , | 1 commento

Questo articolo è a cura di Giovanni Moccia, esperto di finanziamenti alle imprese

L’ICT e l’evoluzione tecnologica può e deve essere fulcro della politica industriale del nostro paese. Per questo motivo, diventa indispensabile sostenere chi fa ricerca o comunque fa impresa nel mondo tecnologico-digitale.

Da qui l’azione di intervento del Ministero dello Sviluppo Economico che ha istituito un nuovo regime di aiuto finanziario finalizzato alla promozione della nascita di nuove imprese nelle regioni : – Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia, in attuazione di una specifica azione prevista nel PON “Ricerca e competitività” FESR 2007-2013. || Continua a leggere

scritto da | on , | Nessun commento

dogane

Le dogane sono organi dell’amministrazione statale che hanno come funzione più evidente ed importante la riscossione dei diritti doganali sulle merci che attraversano la linea doganale e vengono messe in consumo nello stato.

Le attività delle dogane non si esauriscono unicamente con questa attività ma prevedono numerose altre attività collegate con il passaggio delle merci attraverso la linea doganale sia in entrata che in uscita. || Continua a leggere

scritto da | on | Nessun commento

Per ottenere una migliore performance dal sistema logistico aziendale o dalla supply chain è necessario effettuare degli investimenti per i quali a volte è possibile fare riferimento ad azioni di finanziamento agevolato promosso dalle istituzioni nazionali o comunitarie. I finanziamenti agevolati non sono rivolti unicamente alle imprese di nuova costituzione ma anche per imprese già attive, ad esempio la legge più famosa in questo ambito la legge 488 prevede tra le iniziative ammissibili quella dell’ammodernamento e prevede come investimenti finanziabili l’acquisto di attrezzature ( ad esempio carrelli elevatori, magazzini automatici, sistemi in radiofrequenza) o l’acquisto di software (sistemi WMS, sistemi di fleet managment o sistemi di previsione della domanda). In modo particolare bisogna ricercare tra i finanziamenti che riguardano l’ammodernamento e l’innovazione, in quanto diversi investimenti riguardano l’utilizzo di sistemi tecnologici innovativi. Per finanza agevolata si intende un complesso di strumenti molto differenziati tra di loro che si caratterizzano sempre in contributi finanziari erogati da un soggetto pubblico a sostegno dell’attività d’impresa. C’è la tendenza a considerare il ricorso a tali fonti un evento episodico, non pianificato e non strategico. in altri termini, si riscontra una tendenza a partecipare ai bandi con progetti predisposti ad hoc, senza un disegno strategico di fondo,si ricorre alla finanza agevolata soprattutto per la copertura di investimenti connessi a progetti speciali.

scritto da | on | Nessun commento

In tempi di crisi si rende necessario recuperare liquidità non solo attraverso la riduzione dei costi ma anche attraverso il recupero di flussi di natura tipicamente finanziaria. Come più volte evidenziato l’impresa è un sistema complesso fatto di elementi tra di loro correlate, pertanto in questa ottica è evidente come gli obiettivi di recuperare la liquidità, tipicamente appannaggio della gestione finanziaria dell’impresa abbiano i loro riflessi sulla gestione logistica, ovvero come facciamo a tradurre l’obiettivo della maggiore liquidità in obiettivi per la logistica ? Il punto di collegamento è dato dal capitale circolante che in termini finanziari è dato dalla somma delle scorte più i crediti commerciali meno i debiti fornitori, tale relazione può essere tradotta in termini logistici come giorni di copertura magazzini, giorni di credito clienti e giorni di debito fornitori. In tale ottica chi si occupa di logistica in azienda deve considerare le scorte non solo dal punto di vista operativo ma anche dal punto di vista finanziario e quindi mettere in atto operazioni che permettano di recuperare liquidità come può essere lo smaltimento di prodotti obsoleti, o altre operazioni atte a ridurre le scorte senza compromettere il servizio al cliente. La supply chain può essere vista come una rete di partecipanti che scambiano beni, servizi e informazioni a fronte di ordini di acquisto e pagamento. La componente finanziaria espressa da fatture e pagamenti funge da collante tra i vari attori in gioco, in tale ambito il controllo passa dalle aziende agli erogatori dei flussi finanziari.

scritto da | on | Nessun commento

Le scelte e le azioni intraprese in ambito logistico hanno degli impatti più o meno rilevati sulla finanza aziendale sia dal punto di vista economico che patrimoniale. Dal punto di vista economico la logistica influenza le seguenti variabili:

  1. Valore dei ricavi (attraverso il servizio fornito al cliente)
  2. Valore dei costi (attraverso i costi per lo stoccaggio e la movimentazione delle merci)

Dal punto di vista patrimoniale la logistica impatta sui seguenti valori:

  1. Immobilizzazioni (magazzini e mezzi di trasporto)
  2. Scorte
  3. Crediti e debiti ( ciclo cash to cash)

La logistica aumenta o diminuisce il valore dei ricavi attraverso il servizio fornito al cliente riducendo i tempi di consegna, fornendo il materiale giusto ed imballato correttamente, evadendo gli ordini in maniera completa ed emettendo documenti di trasporto e di fatturazione corretti. Le scelte logistiche hanno influenza sui costi aziendali facendoli aumentare e diminuire a seconda delle risorse utilizzate per la movimentazione e lo stoccaggio delle merci ed del loro utilizzo efficiente.
L’impatto maggiore delle scelte logistiche sullo stato patrimoniale è rappresentato dalle scorte che rappresentano una parte dell’attivo circolate, anche se una parte delle scorte (i codici obsoleti) andrebbero ascritti nel attivo fisso in quanto non possono essere trasformati in liquidità in tempi brevi. Altro elemento di grande impatto è costituito dalle immobilizzazioni destinate all’attività logistica che influenzano l’attivo fisso, infine il ciclo ordine cliente, lavorazione, ordine fornitore, influenza il livello dei debiti e dei crediti.

News