Articoli Taggati ‘flussi’

scritto da | on , , | Nessun commento

Prima di procedere alla valutazione e installazione di un software WMS per la gestione del magazzino è bene procedere ad una valutazione as-is della propria azienda. Questa analisi richiede le seguenti fasi:

Registrazione dei processi di business e del flusso di informazioni: Lo scopo della registrazione del processo di business è quello di documentare completamente tutte le attività in un magazzino, per lo più in forma di una catena di processo di business. Oltre alle attività fisiche anche il flusso di informazioni e l’utilizzo di documenti vengono registrati in modo che, per esempio, le interruzioni dei mezzi (cambio tra due mezzi differenti, per esempio, EDP e carta), che influenzano le prestazioni possono essere identificati. || Continua a leggere

Rete di vendita

gen
2013
08

scritto da | on , , | Nessun commento

Da un punto di vista logistico una rete di vendita rappresentano altri nodi all’interno della più grande rete logistica. Nella maggior parte dei casi tramite questi nodi transitano flussi di informazioni e molto raramente flussi di materiali, e comunque di modeste dimensioni come ad esempio i campioni o omaggi ai clienti. Gli agenti ed i subagenti rappresentano i nodi da cui parte l’informazione relativa alla domanda finale di prodotti pertanto è necessario fornire un adeguato supporto informatico affinché il flusso informativo possa scorrere in maniera fluida ed efficiente. || Continua a leggere

La competitività

lug
2012
03

scritto da | on , , | Nessun commento

Quando una azienda riesce per certi aspetti a soddisfare meglio un cliente riesce ad ottenere un vantaggio rispetto alle altre aziende nella competizione per acquisire clienti. Il vantaggio competitivo si costruisce nel tempo attraverso le competenze distintive, ovvero competenze che altri non hanno e che hanno valore per il cliente. || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

In un post precedente abbiamo visto che automatizzare il magazzino può avere diversi vantaggi nel caso di operazioni standard e con elevati volumi, ma poiché esistono diversi livelli di automazione che vanno dal semplice codice a barre fino all’intero magazzino automatico, la scelta di automazione implica la scelta del livello di automazione, che può essere variabili all’interno della stessa azienda (magazzini dislocati in diversi punti gestiti con diversi livelli di automazione) oppure all’interno dello stesso magazzino, infatti è possibile che convivano nello stesso magazzino con buoni risultati aree gestite con prelievi manuali e terminali in radiofrequenza ed aree gestite con un magazzino verticale automatico.

Ogni soluzione di automazione presenta i suoi vantaggi e svantaggi e pertanto va confrontata con le esigenze dei flussi di magazzino. È chiaro che ogni scelta di automazione parte sempre da una analisi dei flussi di magazzino, infatti se non è chiaro come si muove la merce e le informazioni non si riesce a progettare un sistema efficiente ed efficace di automazione (in diverse aziende si è acquistato un magazzino automatico solo sul presupposto che il magazzino automatico fa risparmiare spazio e tempo senza aver fatto una preventiva analisi dei flussi).

scritto da | on , , | Nessun commento

Qualsiasi azione di miglioramento della gestione del magazzino e più in generale della logistica aziendale passa attraverso una analisi dei flussi di materiali e di informazioni in modo da avere una visione di come il sistema funziona per poter individuare le aree di miglioramento. In questo post vediamo una breve panoramica degli strumenti grafici utili per effettuare la mappatura dei flussi. || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

In diversi post precedenti abbiamo visto come il codice a barre possa essere un utile strumento per ridurre le distanze tra flusso fisico e flusso informativo dei materiali, in questo post vedremo i passi da compiere per poter introdurre il codice a barre nel proprio magazzino dando delle linee guida in quanto ogni magazzino presenta delle peculiarità. I due vantaggi principali del codice a barre rispetto all’inserimento manuale dei dati sono la velocità di lettura e la precisione infatti con una lettura manuale si impiegano 6 secondi a carattere si presentano errori ogni 300 caratteri mentre con il codice a barre si impiega un secondo per la lettura si presentano errori ogni 15000 caratteri. Questi vantaggi possono essere colti anche dalle piccole imprese infatti realizzare un sistema minimale per la gestione del magazzino con il codice a barre può richiedere meno di 1000 euro a fronte di numerosi vantaggi. Possiamo individuare le seguenti operazioni per l’introduzione del piano di introduzione del codice a barre in magazzino.
Individuare i flussi di magazzino: In questo modo possiamo capire quali sono le esigenze in termini di lettori di codici a barre, per individuare i punti in cui il prodotto viene etichettato, il punto in cui è necessario effettuare la lettura del codice a barre.
Valutare la caratteristiche del prodotto: In questo modo individuiamo le caratteristiche delle etichetta (grandezza, tipologia, posizionamento dell’etichetta sul prodotto)
Definizione delle procedure e delle infrastrutture necessarie: A questo punto definiamo i flussi di magazzino facendo uso del codice a barre. Ad esempio se consideriamo l’operazione di accettazione della merce possiamo avere varie possibilità, se il fornitore ci consegna il materiale con un codice a barre possiamo decidere di utilizzare il suo codice anche per la gestione del materiale all’interno del magazzino, viceversa possiamo decidere di etichettare nuovamente il prodotto con il nostro codice. Nel caso il materiale non ci sia fornito con un codice a barre dobbiamo procedere ad etichettarlo o chiedere al fornitore di etichettarlo già con il nostro codice. Una volta definito il flusso di magazzino individuiamo quali infrastrutture sono necessarie per realizzarlo ovvero lettori di codici a barre, computer, stampante per etichette, software per le etichette, software per la gestione del magazzino (nel caso abbiamo già un gestionale bisogna valutare se può gestire il codice a barre)
Richiesta di offerta ai fornitori e selezione dell’offerta: In base alle specifiche definite ai punti precedenti possiamo formulare una richiesta d’offerta univoca ai fornitori in moda da essere confrontabili, infatti se ci limitiamo a chiedere ai fornitori una offerta per un sistema di gestione del magazzino con il codice a barre potremmo ritrovarci soluzioni completamente differenti che non sono confrontabili tra loro.
Predisposizione del magazzino ed installazione del sistema: Una volta selezionata l’offerta procediamo a sistemare il magazzino in modo poter utilizzare il sistema, predisponendo punti apposti di lettura e di etichettatura, procedendo alla creazione di ubicazioni. Una volta installato il sistema facciamo un giro di prova ovvero proviamo seguire tutti flussi con il nuovo sistema (ad esempio eseguiamo l’accettazione, lo stoccaggio, il prelievo e la spedizione di un codice con il codice a barre) in questo modo possiamo individuare eventuali nodi critici e risolverli prima di estendere il sistema a tutto il magazzino.
Formazione del personale: In fine prima di rendere operative le nuove procedure di gestione del magazzino provvediamo ad istruire il personale sull’utilizzo delle nuove strumentazioni e delle nuove procedure.

Pagina 1 di 212

News