Articoli Taggati ‘Kraljic’

scritto da | on | Nessun commento

Esistono fondamentalmente due categorie di gestione delle scorte, ovvero a fabbisogno oppure a riordino, all’interno delle quali sono stati elaborati differenti modelli di gestione. A seconda della tipologia di produzione (MTS,MTO,ATO,ETO) è possibile indicare la tecnica di gestione più adatta, infatti per le produzione Make to Stock sono più indicate le tecniche di gestione a riordino, mentre per le produzioni Engineering to order sono più indicate le tecniche di gestione a fabbisogno. || Continua a leggere

Matrice di Kraljic

ott
2009
09

scritto da | on , | Nessun commento

La matrice di Kraljic ha lo scopo di classificare i tipi di acquisto, indicando le politiche più opportune, tale classificazione è fatta in base a due caratteristiche: l’importanza degli articoli e la loro reperibilità. In base a queste due caratteristiche classifichiamo gli articoli in questo modo

Importanza Reperimento Tipo
ALTO ALTO Supply
ALTO BASSO Leverage
BASSO ALTO Bottleneck
BASSO BASSO Purchasing

Per gli articoli di tipo purchasing, l’acquisto può essere delegato ai singoli stabilimenti. Per ottenere buone condizioni occorre mettere in concorrenza molti fornitori (circa l’80% degli acquisti aziendali ricadono in questa categoria).
Per gli articoli leverage occorre eseguire una politica di negoziazione fra molti fornitori. Gli articoli supply sono articoli come le fonti energetiche e i prodotti complessi da realizzare, infine gli articoli bottleneck sono articoli che conviene produrre piuttosto che acquistare.
Per poter classificare gli articoli in base alla matrice di Kraljic è necessario definire delle metriche per misurare l’importanza ed il grado di reperimento di un articolo, a questo scopo utilizzeremo tre metriche elementari (una per l’importanza e due per il grado di reperimento). Per definire l’importanza consideriamo l’incidenza del costo dell’articolo sul prezzo di vendita, mentre per il grado di reperimento si considera la media ponderata (0,5 e 0,5) tra il leadtime ed il numero di fornitori dell’articolo.
Per determinare la prima metrica implodiamo i codici d’acquisto per verificare in quanti codici padre si trova l’articolo per calcolare l’incidenza.

SELECT CODICI.CODICE, DISTINTA.PADRE AS C1, DISTINTA_1.PADRE AS C2, DISTINTA_2.PADRE AS C3, DISTINTA_3.PADRE AS C4, DISTINTA_4.PADRE AS C5, DISTINTA.D§QTAS AS CO1, DISTINTA_1.D§QTAS AS CO2, DISTINTA_2.D§QTAS AS CO3, DISTINTA_3.D§QTAS AS CO4, DISTINTA_4.D§QTAS AS CO5 INTO [distinta implosa]
FROM ((((CODICI LEFT JOIN DISTINTA ON CODICI.CODICE = DISTINTA.FIGLIO) LEFT JOIN DISTINTA AS DISTINTA_1 ON DISTINTA.PADRE = DISTINTA_1.FIGLIO) LEFT JOIN DISTINTA AS DISTINTA_2 ON DISTINTA_1.PADRE = DISTINTA_2.FIGLIO) LEFT JOIN DISTINTA AS DISTINTA_3 ON DISTINTA_2.PADRE = DISTINTA_3.FIGLIO) LEFT JOIN DISTINTA AS DISTINTA_4 ON DISTINTA_3.PADRE = DISTINTA_4.FIGLIO;

Determiniamo i padri:

SELECT [distinta implosa].CODICE, IIf([C5] IS NOT NULL,[C5],IIf([C4] IS NOT NULL,[C4],IIf([C3] IS NOT NULL,[C3],IIf([C2] IS NOT NULL,[C2],IIf([C1] IS NOT NULL,[C1],NULL))))) AS PAPRE
FROM [distinta implosa];

A questo punto dal listino aggiungiamo per ogni codice padre il prezzo e calcoliamo l’incidenza del codice figlio in questo modo:

SELECT ESP.FIGLIO, Avg(([COSTO FIGLIO]/[COSTO PADRE])) AS Incidenza
FROM ESP
GROUP BY ESP.FIGLIO;

Per determinare la seconda metrica consideriamo il leadtime massimo di acquisto e rapportiamo il leadtime del singolo codice con il leadtime massimo, mentre per la seconda parte della metrica rapportiamo il numero dei fornitori per il numero massimo dei fornitori. A questo punto avremo una tabella del genere:CODICE, IMPORTANZA, REPERIBILITA.

News