Articoli Taggati ‘lean production’

scritto da | on , | Nessun commento

Un processo è quell’insieme di attività coordinate logicamente attraverso cui un’organizzazione crea valore, cioè consegue i suoi obiettivi.

 I processi devono essere gestiti, nel senso che devono essere accuratamente pianificati, disegnati e documentati, devono essere supportati dalle infrastrutture giuste e, più in generale, deve essere garantito l’apporto di tutto ciò che è necessario alla loro corretta esecuzione. Inoltre devono essere misurabili, nel senso che si deve poter definire una serie di grandezze, oggetto di misura, che permettano di capire quanto bene gli obiettivi di un processo vengano raggiunti. || Continua a leggere

scritto da | on | Nessun commento

La globalizzazione dei mercati ha imposto alle aziende standard qualitativi dell’output offerto sempre più elevati. Fattori quali la qualità, la rapidità e le modalità di consegna sono diventati sempre più determinanti per il successo di un’azienda. Ecco sorgere l’esigenza di implementare metodi di miglioramento continuo, capaci di incrementare la business performance di una realtà industriale, attraverso tecniche di problem solving. || Continua a leggere

scritto da | on | Nessun commento

La logica Lean, cioè il pensare snello, si sta dimostrando la metodologia operativa più efficace e moderna per la competitività aziendale. Concetti come processo, flusso, miglioramento continuo, valore, just in time stanno entrando a far parte del modus operandi delle aziende costrette da un lato da un mercato dominato dal compratore e dall’altro dall’esasperata competitività globale. Ecco allora che ridurre gli sprechi, aumentare flessibilità e profitto sia divenuta ormai una necessità assoluta delle organizzazioni del terzo millennio.

Il “Manuale” si pone l’obiettivo d’analizzare i principi del pensiero Lean ma soprattutto quello d’illustrarne la realizzazione pratica, attraverso numerosi esempi reali raccolti dal campo. Affronta dettagliatamente non solo concetti puramente tecnici come lo studio del lavoro, dei flussi, del valore o dei lay-out, dalla progettazione alla industrializzazione ma anche aspetti legati all’approccio generativo ai problemi, alla gestione dei team per il cambiamento, affinché principi e regole possano essere applicati attraverso un’imitazione creativa, attraverso quell’approccio sistemico della conoscenza che caratterizza la complessità della trasformazione dalle logiche tradizionali alle logiche Lean. La padronanza “a tutto tondo” di tutte queste tecniche è assolutamente necessaria per progettare e realizzare un sistema Lean, per affrontare efficacemente i sempre maggiori livelli di complessità ed entropia dei processi aziendali, ma è la capacità di rompere gli schemi, di generare idee innovative, di pensare “differente” il vero motore del cambiamento.
Se la lettura del “Manuale” porterà non solo a chiarire le idee sulle possibilità future, ma anche a sollevare dubbi, a generare la “conoscenza condivisa” dell’organizzazione allora lo scopo sarà pienamente raggiunto.
I principi, Creare valore, Organizzare i processi ed il flusso, La produzione Pull. teoria e pratica attraverso la Value Stream Map (VSM), Il miglioramento continuo.

Lean production

nov
2010
02

scritto da | on | Nessun commento

La lean production è un insieme di tecniche e strumenti volti alla diminuzione dei costi. La lean production, nata  similmente alla produzione di massa, dal mondo dell’automotive, è una “filosofia” produttiva applicata, che si è contrapposta dalle sue primissime attuazioni come un’alternativa efficace ed efficiente alle teorie fordiste. Quello che cambia completamente è il punto di vista, si muove l’attenzione dalla mera produttività alle necessità del cliente; il segreto è cambiare il punto di osservazione, guardare con gli occhi del cliente.

L’obiettivo della produzione snella è l’eccellenza che passa tramite l’ottimizzazione produttiva, l’efficienza, la qualità, l’eliminazione di costi nascosti, riducibile etimologicamente a “un’enorme caccia agli sprechi”. Quello che cerca di raggiungere la lean è l’emersione del valore aggiunto, ovvero: quello che il cliente è disposto realmente a pagare, nella pratica il solo momento della trasformazione della materia (anche noto come il “tempo truciolo”), tutto il resto sono sprechi o attività senza valore aggiunto, ma necessari, per questo devono essere sviluppati e attuati al meglio, riducendone il più possibile sprechi e inefficienze. la lean production è utile nel processo evolutivo delle Micro e PMI ed è applicabile solo con una grande conoscenza del sistema produttivo di tipo snello e con una forte capacità di adattamento, sia delle tecniche, ma soprattutto nell’attuazione del progetto di cambiamento. In questo periodo di crisi la lean production può essere con le dovute distinzioni un buona exit strategy.

scritto da | on | Nessun commento

Partiamo da una metafora abbastanza semplice e forse già nota ma che spiega con grande efficacia i benefici della sincronizzazione snella. Consideriamo un fiume con degli scogli sul fondo e delle imbarcazioni che devono navigarlo, in questo caso la profondità dell’acqua impedisce alle imbarcazioni di vedere gli scogli ma è essi sono ugualmente presenti e rallentano il flusso delle acque e creano turbolenza, diminuire il livello delle acque consente di evidenziare gli scogli e di rimuoverli. Fuor di metafora gli scogli sono le problematiche relative alle operations mentre il livello dell’acqua è il livello delle scorte, ridurre il livello delle scorte e rimuovere le problematiche relative alle operations consente di aumentare la velocità del flusso e renderlo sincrono, ovvero assicurare ai clienti ciò che vogliono, nella quantità richiesta, quando serve e dove serve. Sincronizzare significa far si che i flussi si muovano nello stesso momento in modo da evitare che si creino delle scorte lungo il flusso principale. Come si ottiene la sincronizzazione dei flussi?
La sincronizzazione si ottiene attraverso le seguenti attività

  1. Razionalizzazione dei flussi
  2. Flessibilizzazione dei processi
  3. Minimizzazione della variabilità

La razionalizzazione dei flussi si ottiene con la mappatura dei processi , assicurando la visibilità dei processi tramite il layout, utilizzando tecnologie di processo su scala ridotta. La flessibilità si assicura riducendo i tempi di attrezzaggio, infine la minimizzazione della variabilità si ottiene livellando il più possibile i programmi di produzione e delle consegne.

News