Articoli Taggati ‘scaffalature’

scritto da | on , | Nessun commento

scaffalaturaEsistono diverse tipologie di scaffalature che possono essere più o meno adatte al nostro magazzino, vediamo in questo post alcuni suggerimenti per la scelta della scaffalatura.

Innanzitutto vediamo quali sono gli elementi di una scaffalatura. I due montanti collegati tra loro formano una spalla. Generalmente essi presentano fori su tutta l’altezza per permettere l’inserimento delle traverse o dei ripiani. La distanza tra 2 fori si chiama passo di aggancio. I due principali tipi di scaffalature sono :

  • Scaffalature senza ripiani: Utilizzate in magazzino, particolarmente adatte per lo stoccaggio manuale di carichi pesanti e voluminosi o per lo stoccaggio di carichi pallettizzati.
  • Scaffalature a ripiani: Rispondono a tutte le esigenze del settore industriale. I ripiani possono essere pieni, tubolari o a griglia, e possono essere rivestiti di pannelli in agglomerato.

|| Continua a leggere

scritto da | on , | Nessun commento

ScegliereCarrello

Vediamo in questo articolo una serie di domande che dovremo porci per scegliere il nostro carrello elevatore ideale:

L’area di lavoro per la quale stiamo selezionando il carrello elevatore sarà all’interno o all’esterno?

Indubbiamente per ambienti chiusi potrebbero porsi delle limitazioni per l’utilizzo di carrelli elevatori diesel o comunque endotermici, in particolare per chi lavora nel settore alimentare; non è esplicitamente vietato dalla legge italiana l’utilizzo dei carrelli elevatori diesel al chiuso ma presenta alcune controindicazioni (fatto salvo che qualora dovessimo muovere carichi superiori ai 100 quintali diventa l’unica opzione percorribile); attenzione nel caso in cui dovessimo installare una postazione di ricarica dei carrelli elevatori al chiuso che potremmo trovarci a sostenere degli extra costi perché nella postazione di ricarica dei carrelli elevatori si potrebbe generare una atmosfera esplosiva e ciò ci comporta la necessità di effettuare una valutazione ATEX (atmosfere esplosive) con l’applicazione di successive ed eventuali misure protettive (quali ad esempio cappe di aspirazione o simili); || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

In molte imprese, ancora oggi, il magazzino è visto come un male necessario non come una risorsa importante per l’impresa, e se per la produzione si investe in nuovi e moderni macchinari o il commerciale ha budget importanti per gestire fiere o campagne pubblicitarie, al povero responsabile di magazzino rimangono le briciole con le quali gestire scaffalature, imballaggi, muletti, capannoni e magazzinieri. || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

 

Ridurre la distanza tra flusso informativo e dei materiali richiede che vi sia una corretta mappatura del magazzino ovvero individuare e nominare le aree destinare ad accogliere i materiali. Possiamo individuare tre elementi di un magazzino:

scritto da | on , , | Nessun commento

Una piccola attività commerciale o un sito di commercio elettronico al suo avvio hanno la necessità di allestire un magazzino di piccole dimensioni, vediamo alcuni suggerimenti pratici su come progettarlo, faremo riferimento ad una superficie tra i 200 e i 400 mq. || Continua a leggere

HACCP e Magazzino

mar
2013
08

scritto da | on , | 1 commento

Il sistema HACCP è un sistema di autocontrollo per limitare i rischi relativi ai prodotti alimentari per i consumatori. All’interno del manuale è necessario dedicare una parte alla gestione del magazzino. Vediamo quindi alcuni elementi che dovrebbero essere presenti nel manuale.

Idonea pulizia delle corsie di stoccaggio: non stoccare prodotti potenzialmente appetibili per infestanti vicino a entrate, porte, bagni.

Idonea manutenzione delle attrezzature: sia le scaffalature, che devono essere in materiale lavabile e facilmente sanificabile, sufficientemente alte da terra in modo da poter essere pulite al di sotto e da poter essere ispezionabili, sia tutti i macchinari adibiti all’ utilizzo quali carrelli.

Idonea manutenzione dei pavimenti e soffitti:  controllo visivo ogni 15-20 gg di conformità, assenza di controsoffitto o se presente in vecchi magazzini attuare un idoneo piano di pulizia, tappare falle e buchi nel muro e nel pavimento con cemento o resine autorizzate all’uso nelle aziende alimentari.

Gestione della merce danneggiata scaduta o non conforme: indicare i metodi di ritiro del prodotto o di restituzione dello stesso.

Controllo della merce in entrata: Indicare il controllo della merce in entrata: Solamente nel caso che l merce non sia conforme, essa andrà segnata sul modulo di gestione delle N.C.

Prodotti usati per la pulizia: Devono essere conforme ai principi dell’HACCP, e di ogni prodotto usato deve essere resa disponibile nel manuale la scheda tecnica del prodotto e la scheda di sicurezza.

Manutenzione attrezzature: Indicare la periodicità con cui si fa la manutenzione di macchinari, scaffalature e così via.

Controllo temperature: Nel caso lo stoccaggio sia breve all’interno del magazzino o nel caso di prodotti alimentari non deperibili  non si rende necessario il controllo delle temperature.

Pagina 1 di 212

News