Articoli Taggati ‘sdoganamento’

scritto da | on , | Nessun commento

Molto spesso i trasferimenti di materiali tra una azienda ed un’altra non sono accompagnati unicamente dal DDT ma da altri documenti accessori come certificati di conformità, test di laboratorio ed altra documentazione a seconda della legislazione vigente, si rende quindi necessario gestire questa documentazione ed inserirla nel flusso fisico dei materiali.

Chi opera in magazzino deve essere in grado di sapere in anticipo quali documenti deve attendersi quando arriva una spedizione oltre al normale DDT, in modo da poter fare una verifica documentale dell’ingresso merci. Inoltre è necessario sapere quale flusso devono seguire i vari documenti, ad esempio i test di laboratorio vanno indirizzati al controllo qualità, piuttosto che la documentazione doganale. || Continua a leggere

scritto da | on , , | Nessun commento

Vendere nei mercati esteri può essere una buona prospettiva per allargare il proprio business e riuscire a superare questo momento di forte turbolenza (volgarmente chiamato “crisi”), ma se fino ad alcuni anni fa andare all’estero (o per utilizzare un termine tecnico, attuare una strategia si internazionalizzazione) poteva essere appannaggio delle medie grandi imprese, adesso grazie allo sviluppo tecnologico ed al crescere dei servizi offerti da molte imprese anche una piccola o micro impresa può pensare di realizzare questa strategia. In questo post vi presento una semplice strategia rivolta alle piccole imprese, low-cost ed ad imbuto. || Continua a leggere

scritto da | on | Nessun commento

Dopo che l’operatore ha scelto il regime che intende attribuire alla sua merce, deve affrontare la cosiddetta procedura di sdoganamento. La procedura doganale è un insieme di adempimenti necessari per attribuire alla merce il regime prescelto dall’operatore e mettere la dogana nelle condizioni di determinare le obbligazioni o i vincoli che ne derivano. Occorrerà innanzitutto stabilire a chi compete agire in qualità di dichiarante, tenendo conto degli obblighi contrattuali e delle disposizioni doganali. Una volta individuato il soggetto dichiarante possiamo individuare due punti fondamentali della procedura di sdoganamento:

  1. Presentazione della dichiarazione
  2. Assolvimento dell’obbligazione doganale

La forma della dichiarazione può essere scritta o telematica ed è composta da due parti: La dichiarazione vera e propria e gli allegati, i documenti da allegare variano in base al regime doganale prescelto, il codice doganale ed il paese d’esportazione o importazioni. Molto spesso ci si avvale di spedizionieri per l’invio della merce all’estero pertanto materialmente la dichiarazione sia cartacea che telematica viene effettuata dall’impresa che si occupa della spedizione ma le informazioni per compilare la dichiarazione e gli allegati vanno forniti dall’impresa che esporta pertanto è utile prevedere in anagrafica le informazioni necessarie per compilare la dichiarazione doganale in modo che quando viene stampato il documento vengano stampate tutte le informazioni necessarie per compilare la dichiarazione doganale. È inoltre utile avere queste informazioni anche quando dobbiamo sdoganare la merce in modo da avere tutte le informazioni necessarie per velocizzare le procedure doganali. Altro documento utile è un promemoria della documentazione da allegare per poter effettuare l’esportazione.
La seconda parte della procedura doganale riguarda l’obbligazione doganale ovvero l’obbligo di corrispondere l’importo dei diritti all’importazione o all’esportazione applicabili, in virtù delle disposizioni in vigore, alle merci soggette ai diritti stessi. Il momento in cui sorge l’obbligazione doganale è quello a cui ci si riferisce per determinare gli elementi di tassazione propria delle merci. Se non esistono elementi certi circa tale momento si fa riferimento al momento in cui l’autorità doganale constata che la merce si trova in una situazione che fa sorgere l’applicazione.

News