Articoli Taggati ‘Terzisti’

subfor.net

giu
2010
26

scritto da | on | 1 commento

www.subfor.net

Subfor.net è il portale nazionale delle imprese che offrono servizi di subfornitura, la prima banca dati telematica che informa su tutte le attività di subfornitura italiana. La consultazione è disponibile in italiano, inglese e tedesco. L’accesso è libero. La consultazione della banca dati delle imprese di subfornitura è semplice. Cliccando su www.subfor.net si apre un sito dedicato a tutte le migliori realtà della subfornitura italiana con informazioni specifiche, dettagliate e controllate dall’apposito Comitato Network Subfornitura secondo un esigente parametro di qualità.

In particolare www.subfor.net  fornisce i dati e le informazioni più utili per conoscere e operare con oltre 6826 imprese della subfornitura italiana nei principali settori: meccanico, elettronico, tessile, maglieria e confezioni, plastica e gomma, legno. Un panorama completo e aggiornato sulle evoluzioni del mercato con uno sguardo sempre rivolto agli interessi di chi opera nel settore, come cliente e come fornitore.

scritto da | on , | Nessun commento

Gli ordini di lavorazione ai terzisti si differenziano dagli ordini di produzione in quanto il centro di lavoro è esterno all’azienda e quindi dal punto di vista logistico i materiali sono inviati al di fuori dell’azienda e viene restituito il prodotto finito o un semilavorato che potrà essere utilizzato per la produzione interna od essere inviato ad un altro terzista per essere lavorato insieme ad altri materiali. Gli ordini di produzione vengono rilasciati in base ai suggerimenti derivanti dal MRP, in questo caso avremo associato al codice da produrre un centro di lavoro esterno. Chi si occupa della programmazione della produzione avrà il compito di valutare i suggerimenti forniti dal MRP e decidere se unire o meno gli ordini di lavorazione, se spostarli o annullarli in base alle esigenze produttive. L’ordine di conto lavoro conterrà in testata le informazioni relative al terzista, se l’ordine è aperto oppure no, il magazzino con cui deve essere alimentato il terzista, la data di consegna. Le righe dell’ordine saranno costituite dai codici che il terzista dovrà realizzare e la loro QT, la data nel caso di ordine aperto. Infine per ogni codice verranno indicati i materiali necessari per la realizzazione e la loro QT in base al coefficiente d’impiego presente in distinta. Una volta emesso l’ordine sarà necessario inviare i materiali che il terzista non ha presso il suo deposito generando una lista di prelievo materiali. Quando verranno inviati i materiali al terzista verranno scalati dall’ordine, mentre quando il terzista invierà il codice del finito verrà scalata la QT inviata dall’ordine, in questo modo avremo ordini non alimentati (nessun materiale è stato inviato al terzista), ordini parzialmente alimentati (Alcuni codici o tutti i codici ma per una QT inferiore sono stati inviati al terzista), ordini completamente alimentati (tutti i materiali sono stati inviati al terzista), Ordini parzialmente evasi ( Alcuni prodotti finiti sono stati inviati dal terzista), ordine completamente evaso (il terzista ha inviato tutti i prodotti finiti).
Oltre agli ordini di lavorazione è possibile emettere degli ordini di riparazione per quei codici che necessitano di una rilavorazione a seguito di controllo qualità.

scritto da | on , | Nessun commento

Il primo passo nella gestione del flusso verso i terzisti è individuare quali codici mettere a dotazione e quali contati. Una volta definita questa distinzione per i primi seguiremo una politica di gestione come già descritto in un post precedente mentre per i secondi seguiremo una politica che descriverò nel seguente post. Il primo passo è l’emissione degli ordini di lavorazione che indicheranno quali codici dovranno essere realizzati ed il materiale che deve essere consegnato ai terzisti per la lavorazione. A questo punto avermo due possibilità: con il materiale che abbiamo nel deposito principale possiamo evadere l’intero ordine oppure possiamo evaderlo parzialmente, in questo secondo caso dovremo gestire i codici mancanti. Altra problematica si presenta per i codici che devono essere distributi a più terzisti, in questo caso bisogna valutare se la giacenza del magazzino principale riesce a coprire l’impegno complessivo presso i terzisti, in caso contrario bisogna individuare un criterio di assegnazione che potrebbe essere la data dell’ordine, oppure eventuali urgenze per la realizzazione del codice padre.

scritto da | on , | Nessun commento

Definiamo materiale a dotazione quel materiale fornito ai terzisti non collegato ad un ordine di lavorazione. Generalmente si tratta di materiale di base comune a più lavorazioni, solitamente di basso costo, di dimensioni ridotte e non gestito in unità, ad esempio se consideriamo le lavorazioni meccaniche sono materiali a dotazione le viti ed i bulloni, nella lavorazione del legno sono a dotazione le viti e la colla, nella lavorazione di prodotti da forno la farina.
Una volta individuati quali articoli è conveniente gestire a dotazione, bisogna gestire il rifornimento di questi materiali presso i terzisti. È possibile seguire una procedura simile a questa:

  1. Ogni fine settimana si confronta la giacenza presso i depositi dei terzisti con gli impegni presso quel deposito nell’arco di un mese
  2. Si calcola la disponibilità per ogni articolo deposito (Giacenza – impegno)
  3. Si calcola la disponibilità diviso per la giacenza (in caso di giacenza uguale a 0 si pone giacenza uguale 0,1)
  4. Si filtrano i codici con percentuale inferiore al 10%
  5. Si calcola la qt da spedire (si considera la disponibilità e la si arrotonda alla confezione)
  6. Si confronta la qt da spedire con la giacenza in magazzino e si valuta se spedire o meno il codice (per i codici che vanno su più depositi bisogna considerare la qt da spedire totale)
  7. Si raggrupano i codici per terzisti e si valuta se effettuare o meno la consegna nella settimana successiva (bisogna considerare in questa valutazione anche le eventuali urgenze, ad esempio per un terzista potrebbe esserci un solo codice da spedire e potrebbe non valere la pena spedirlo, ma se quel codice è necessario a terminare una lavorazione che va spedita al cliente in settimana bisogna considerare nella valutazione economica il valore del prodotto finito e non quello del materiale di base. Esempio valore del materiale da spedire: 120€, costo spedizione 250€ , valore del prodotto finito 640€ )

scritto da | on , | Nessun commento

Nel caso l’azienda gestisca il conto lavoro può verificarsi il caso che vi siano dei codici mancanti che impediscano di completare la lavorazione, questa situazione si genera dopo il primo invio di materiale presso il terzista nel caso in cui il materiale necessario per l’ordine non sia stato tutto inviato. || Continua a leggere

scritto da | on , | Nessun commento

Nel caso parte della produzione venga realizzata da subfornitori è necessario gestire il flusso del materiale ovvero l’invio delle materie prime necessarie alla lavorazione e la ricezione del semilavorato o del prodotto finito. A fronte di un invio di materiale è necessario che vi sia un ordine di lavorazione che può essere di due tipi:

  1. Realizzazione di nuovo codice :In questo caso vengono inviati i materiali per la lavorazione e viene restituito il prodotto finito.
  2. Lavorazione sullo stesso codice: In questo caso vengono inviati i materiali che al termine della lavorazione vengono restituiti con lo stesso codice o meglio con un lotto di riferimento indicante che il codice ha subito la lavorazione.

Inoltre gli ordini di lavorazione possono essere aperti o chiusi, i primi si riferiscono ad uno stesso codice che viene più volte prodotto dallo stesso terzista, mentre nel secondo caso per ogni lotto viene emesso un ordine di lavorazione diverso.
Per quanto riguarda l’invio di materiale possono presentarsi due casi:

  1. Materiale contato: Viene inviato al terzista la quantità necessaria per evadere le commesse
  2. Materiale a dotazione: Viene inviato al terzista periodicamente un lotto del materiale in base agli impegni sul suo deposito (solitamente materiale di basso valore che viene utilizzato in diverse lavorazioni o materiale d’imballaggio)

Oltre all’invio delle materie prime ed alla ricezione dei prodotti finiti potrebbe essere necessario gestire altre operazioni come il reso non lavorato (materiale non più utilizzato e reso all’azienda), reso di difettosi (materiale che presenta dei difetti e non può essere usato per la lavorazione e quindi reso all’azienda), invio per rilavorazione (prodotti finiti che presentano delle non conformità e che vengono inviati nuovamente al terzista per essere rilavorati) entrata con mancanti (prodotti finiti che arrivano in azienda ma a cui mancano dei pezzi da assemblare e che verranno montati in azienda, a volte in caso di mancanza di materiale è più veloce farsi inviare il finito parziale dal terzista e terminare la lavorazione in azienda).
Altra cosa necessaria è definire le politiche di alimentazione dei terzisti ovvero rispondere alle seguenti domande:
Quali articoli inviare a dotazione ? con che frequenza? In che misura ?
Gestire ordini aperti o chiusi ?
Con che frequenza inviare il materiale contato ?
Come gestire il materiale mancante ?
Come bilanciare i magazzini dei terzisti ?
È necessaria una scorta minima nei depositi dei terzisti ?
A queste domande cercherò di dare risposta nei vari post di questo blog.

Pagina 1 di 212

News