fbpx

Perfezionamento attivo

Il perfezionamento attivo è un regime doganale che permette di introdurre nel territorio nazionale merci non comunitarie “sotto dogana”, cioè senza che abbiano pagati i diritti doganali e senza che siano state applicate eventuali misure restrittive di politica commerciale (limitazioni quantitative), in quanto destinate ad “operazioni di perfezionamento” (lavorazione, assemblaggio; trasformazione, riparazione, ecc.) e ad essere successivamente riesportate in uno stato terzo.

Affinché il regime di perfezionamento attivo possa essere messo in atto è necessario che siano adempiute una serie di formalità. Innanzitutto è necessario essere autorizzati dall’agenzia delle dogane. Si deve presentare la domanda secondo il formulario degli allegati DAC, dove il richiedente dovrà descrivere all’Agenzia delle Dogane le operazioni che saranno oggetto dell’autorizzazione. Si tratta di dare indicazioni precise sulle quantità di materie prime o semilavorati che verranno temporaneamente importati per essere sottoposti a lavorazione, sul tipo di lavorazione, sulla quantità/numero di prodotti che verranno riesportati e sulla resa della trasformazione e quindi la percentuale di scarto prevista.

Esiste anche la possibilità che, per i casi meno complessi come ad esempio riparazione o messa a punto delle merci, l’autorizzazione al perfezionamento attivo avvenga implicitamente al momento stesso dell’accettazione della dichiarazione doganale, dando in questo modo la possibilità agli operatori economici di snellire le pratiche doganali.

Qualora, invece, per ragioni di varia natura, i prodotti compensatori non vengano riesportati come stabilito dal regime, dopo aver subito le lavorazioni previste, sono dovuti i diritti doganali che erano restati in sospeso all’ingresso delle merci. In aggiunta è stabilito un interesse compensativo sul dazio liquidato che va a coprire il danno subito dall’Agenzia delle Dogane per il tardato pagamento. L’ammontare di quest’ultimo verrà stabilito su base semestrale con regolamento comunitario.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email
Share on whatsapp

1 commento su “Perfezionamento attivo”

  1. Pingback: Le dogane | Infologis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli collegati

Esportazioni per via aerea

In questo articolo vedremo come preparare i documenti per una esportazione per via aerea. In buona sostanza possiamo considerare tre documenti principali: Lettera di vettura

leggi

Presidiare l’esportazione

L’esportazione introduce delle discontinuità nel processo logistico costituite dalle dogane e per i paesi più distanti geograficamente anche l’utilizzo di più vettori, generando maggiore complessità

leggi

Certificazione AEO

La certificazione dell’A.E.O. si applica agli operatori economici ed ai loro partner commerciali che operano nella catena di approvvigionamento internazionale, (fabbricanti, esportatori, speditori/imprese di spedizione, 

leggi