fbpx

La black-list

La Legge 25 Marzo 2010 n. 40 ha introdotto nell’ordinamento italiano una nuova Black List per contrastare gli scambi commerciali con i Paesi considerati “paradisi fiscali”.

I soggetti passivi IVA dovranno comunicare telematicamente all’Agenzia delle Entrate tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate e ricevute, registrate o soggette a registrazione, con soggetti economici aventi sede, residenza o domicilio in Paesi cosiddetti “black list” di cui al DM del 4 maggio 1999 e DM del 21 novembre 2001.

In particolare, dette operazioni devono essere indicate in apposito modello – approvato con il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 28 maggio 2010 – da trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate.

In attuazione della citata disposizione, il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 30 marzo 2010 ha stabilito le modalità e i termini per l’effettuazione della comunicazione avente ad oggetto le operazioni realizzate a partire dal 1° luglio 2010.

Il successivo decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 5 agosto 2010 ha specificato l’ambito soggettivo e oggettivo dell’obbligo di comunicazione in relazione a specifici settori di attività nonchè a particolari tipologie di soggetti, sulla base della delega recata dell’art. 1 del richiamato decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40.

Il medesimo decreto ha disposto, altresì, il differimento al 2 novembre 2010 dei termini per la presentazione degli elenchi mensili relativi ai periodi di luglio e agosto. Un emendamento ad Decreto Sviluppo prevede una riduzione degli oneri amministrativi a carico delle imprese di trasporto, spedizione e logistica. L’emendamento all’articolo 7 del Decreto Sviluppo si occupa della semplificazione fiscale ed esonera le imprese del settore dall’attività di compilazione di dichiarazioni relative agli scambi commerciali con i paesi della cosiddetta “Black List”. Alla lista appartengono gli Stati che non consentono scambi informativi tributari, vi figurano molti tra i principali porti e aeroporti commerciali del mondo: da Singapore a Hong Kong, da Manila a Dubai, da Taiwan alla Malesia.

L’emendamento dà in questo modo attuazione al principio secondo cui il Fisco non può richiedere ai contribuenti dati già in suo possesso, o in possesso di altre amministrazioni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email
Share on whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli collegati

Esportazioni per via aerea

In questo articolo vedremo come preparare i documenti per una esportazione per via aerea. In buona sostanza possiamo considerare tre documenti principali: Lettera di vettura

leggi

Presidiare l’esportazione

L’esportazione introduce delle discontinuità nel processo logistico costituite dalle dogane e per i paesi più distanti geograficamente anche l’utilizzo di più vettori, generando maggiore complessità

leggi

Certificazione AEO

La certificazione dell’A.E.O. si applica agli operatori economici ed ai loro partner commerciali che operano nella catena di approvvigionamento internazionale, (fabbricanti, esportatori, speditori/imprese di spedizione, 

leggi